Seleziona una pagina

Accademia di scrittura è un luogo e uno spazio in cui abita la scrittura. Un punto di riferimento, il medium che distribuisce contenuti provenienti da diversi ambiti di applicazione e da differenti professionisti in modo da fornire un panorama ampio e completo di questo grande e potente strumento espressivo. Siamo solo all’inizio: Accademia guarda lontano.

Partecipa al nostro convegno

 23 maggio 2020

Teatro milanese OUT OFF

Dall’accademia

Il mio posto nel mondo

Il mio posto nel mondo

Manifestiamo noi stessi quando siamo nel posto dove vogliamo stare, ma dove vogliamo stare, di solito, non è un luogo, per lo meno non in senso fisico. Il mio posto nel mondo l’ho trovato là dove è sempre stato: nella mia pelle. Il disagio, quel senso di inquietudine...

leggi tutto
Viaggio nella scrittura di Paul Auster

Viaggio nella scrittura di Paul Auster

Ho sempre pensato che lo scrittore sia l’unione di arte e artigianato e credo non ci sia esperienza più affascinante di entrare nel suo laboratorio, nel luogo cioè in cui la scrittura prende forma. Una vita in parole. Dialogo con I. B. Siegumfeldt di Paul Auster è un...

leggi tutto
Scrivere per strappare la storia all’oblio

Scrivere per strappare la storia all’oblio

La bellezza sedimenta e poi riaffiora quando vuole lei. Ne ho avuto prova di recente nel momento in cui nitido, alla memoria, si è affacciato il ricordo della mostra su Antonello da Messina (1430 ca. – 1479) passata al Palazzo Reale di Milano tra febbraio e giugno...

leggi tutto
Altrove: avverbio di luogo e di vita

Altrove: avverbio di luogo e di vita

Il dizionario della lingua italiana comprende circa centosessantamila vocaboli, duemila dei quali soltanto costituiscono la base linguistica di fatto più utilizzata. Di regola, ci serviamo delle parole più comuni, buone per tutti i giorni e facili da usare; ma a...

leggi tutto
Scrivere di sé con la benevolenza di un amico

Scrivere di sé con la benevolenza di un amico

Dalla scalinata di Trinità dei Monti guardavo Roma. Il cielo plumbeo schiacciava la città. All’orizzonte una linea netta di azzurro, dritta, come tracciata da un righello; nel mezzo, una palla incandescente illuminava di rosso i tetti della capitale, sembravano dover...

leggi tutto