Benito Cereno

Fra le molteplici letture che affronto, per piacere o per lavoro, cerco di prevedere sempre anche qualche classico della letteratura, quelli di cui Italo Calvino un giorno, interrogato su quale potesse essere la definizione adatta a descriverli, disse: Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire. Quello che analizzo oggi è il Benito Cereno di Herman Melville.

L’AUTORE

Herman Melville, americano di New York, nacque nel 1819 e morì nel 1871. Fu scrittore, poeta e critico letterario. Autore del celebre romanzo Moby Dick, di alcuni romanzi brevi come Benito Cereno e Billy Budd e racconti, fra cui Bartleby lo scrivano, uno dei più noti. Imbarcatosi, appena ventenne, come mozzo su una nave ancorata al porto di New York e in partenza per Liverpool, Melville ha poi proseguito per qualche anno la propria esperienza in mare, dedicando buona parte delle opere alla vita marinaresca.

 

LA TRAMA

Alla base della vicenda c’è un episodio realmente accaduto nel 1799, vale a dire una rivolta di schiavi di colore, a bordo di un mercantile spagnolo, raccontata dal capitano Amasa Delano nel testo intitolato Narrative of Voyages and Travels, in the Northern and Southern Hemispheres, a cui Melville si ispira.

La storia prende avvio dall’avvistamento di un’imbarcazione senza bandiera, da parte della nave di Amasa Delano, ancorata in una baia a sud del Cile. La nave che si avvicina si mostra fin da subito in difficoltà e Delano, contro il parere del proprio equipaggio, decide di avvicinarsi e prestarle soccorso. Salito a bordo, gli si presenta una situazione ambigua che resterà tale per buona parte del racconto: il capitano spagnolo don Benito Cereno, in evidente stato confusionale, è sorretto e accudito dal servo Babo, ma la verità sul come sono andati davvero i fatti si scoprirà solo alla fine.

 

DA NOTARE

Il romanzo breve Benito Cereno è un esempio di come il modo di narrare una storia concorra a dare significato alle sensazioni che con quella storia si vogliono trasmettere. Melville apre la narrazione con una precisazione spazio-temporale e uno stile quasi giornalistico, nel rispetto della cronaca dei fatti: indica l’anno preciso dell’evento, il nome e le origini del personaggio attraverso i cui occhi il lettore verrà a conoscere la vicenda, registra un fatto (…una vela sconosciuta stava entrando nella baia), seguito da una serie di azioni veloci (Il capitano si alzò, si vestì e salì sul ponte). Poi però cambia registro ed è come se imprimesse una battuta d’arresto al racconto: inserisce una descrizione che parla del mare (lucido come piombo ondulato), del cielo (che sembrava un soprabito grigio) e degli uccelli (grigi anch’essi e irrequieti) dettagli accomunati tutti dallo stesso colore, su cui insiste ripetutamente e che connota ogni cosa: Ombre incombenti, anticipatorie di più cupe ombre future.

Il racconto è tutto giocato sui termini dell’incertezza e dell’ambiguità, della lentezza di gesti e parole che nascondono invece una dinamica ben diversa e quando sembra di essersi abituati al fatto che non stia succedendo niente di davvero rilevante, arriva, dopo ben oltre la metà del testo, il capovolgimento di fronte e il finale sconvolgente. Una costruzione narrativa davvero spiazzante.

 

INCIPIT

Era il 1799. Il capitano Amasa Delano, di Duxbury, nel Massachusetts, comandante di una grossa nave per la caccia alle foche e da carico, che trasportava merci di valore, si era ancorato nel porto di Santa Maria, un’isoletta deserta e disabitata, all’estremità meridionale della lunga costa del Cile, per fare rifornimento d’acqua. L’indomani, poco dopo l’alba, mentre se ne stava ancora in cuccetta, il suo secondo scese a informarlo che una vela sconosciuta stava entrando nella baia. Allora le navi erano meno numerose di adesso in quelle acque. Il capitano si alzò, si vestì e salì sul ponte. (traduzione di Giancarlo Buzzi)

LEGGI ALTRE RECENSIONI

All’antica. Una maniera di esistere

All’antica. Una maniera di esistere

I libri continuano ad essere gli strumenti migliori per dare il giusto valore alle parole che usiamo e per prendercene cura con tutta l’attenzione che si meritano. Ce ne sono alcuni che dichiarano questo intento già nel titolo e nelle radici filosofiche da cui...

leggi tutto
Crepitio di stelle

Crepitio di stelle

Ci sono romanzi in cui l’autore mette le parole al servizio della storia che vuole raccontare e poi ce ne sono altri in cui, invece, la storia sembra non esserci, ma le parole hanno forza di per sé. Servono a dare voce alla memoria, a trovare un nesso fra i ricordi. È...

leggi tutto
Il risveglio della signorina Prim

Il risveglio della signorina Prim

Quanto incide il titolo di un libro sulla curiosità del lettore di prenderlo in mano e lasciarlo parlare? Direi parecchio, almeno tanto quanto la copertina. A me è successo con Il risveglio della signorina Prim di Natalia Sanmartin Fenollera, che ha attirato la mia...

leggi tutto
Il racconto dell’ancella

Il racconto dell’ancella

Una delle magie che alcuni romanzi sanno creare è quella di riuscire a farci ragionare attraverso l’emozione e di accompagnarci in mondi inventati che però ci costringono a mettere in discussione anche quello reale. È senz’altro questo il principale obiettivo della...

leggi tutto
L’Ickabog

L’Ickabog

Poco prima di Natale è uscito in Italia l’Ickabog, ultimo libro di J.K. Rowling. L’autrice ha dichiarato di aver avuto l’idea della storia parecchi anni fa e di averla scritta a brani tra un Harry Potter e l’altro. Relegato in soffitta per tanto tempo, durante il...

leggi tutto
Il destino ha ali di carta

Il destino ha ali di carta

I luoghi possono ispirare storie oppure conservare quelle di chi affida loro le proprie, frequentandoli in silenzio. Ne Il destino ha ali di carta Tor Udall dà voce ad alcune di queste storie filtrate dagli occhi di chi si accorge della loro bellezza.L'AUTRICE Tor...

leggi tutto
Women in the metaverse

Women in the metaverse

Che cosa evoca in chi la sente la parola Metaverso? Che cos'è davvero questa dimensione a cui possiamo accedere dotandosi di un avatar? In particolare ci si potrebbe domandare che utilità parlare di Metaverso al di fuori del gaming, del gioco. In realtà, si può...

leggi tutto
Nella stanza di Emily

Nella stanza di Emily

Quando si ama un autore si vorrebbe conoscere tutto di lui: i testi, la vita, il pensiero, ma anche i luoghi in cui ha vissuto, la stanza dove ha lavorato, il panorama che da quella stanza lo ha ispirato. È da questa esigenza che è nato Nella stanza di Emily, il libro...

leggi tutto
L’altra verità. Diario di una diversa

L’altra verità. Diario di una diversa

Ci sono scritture potenti che non hanno bisogno di essere costruite e vanno maneggiate con cura per arrivare con tutto il carico delle emozioni di cui sono intrise. Sono le scritture di pancia, che lasciano il posto all’urlo che le produce, perché è quello che deve...

leggi tutto
Divergent

Divergent

Leggo per tante ragioni: lavoro, piacere, bisogno di informarmi, voglia di imparare. A seconda dei motivi, il mio approccio ai libri cambia e con lui le aspettative. Ma se sto leggendo per svago, allora quello che cerco è una storia. Una buona storia in cui perdermi....

leggi tutto
Triste, solitario y final

Triste, solitario y final

A volte siamo portati a pensare che i libri ormai abbiano già parlato di tutto, non ci sia più argomento inesplorato, dinamica che non sia stata sondata, struttura che non sia stata sperimentata. Poi capita di leggere romanzi come Triste, solitario y final di Osvaldo...

leggi tutto
Fahrenheit 451

Fahrenheit 451

Amo gli autori che sperimentano, innovano e cercano soluzioni narrative inconsuete per rendere in maniera originale la storia che intendono raccontare. Ho trovato tutto questo nello stile di Ray Bradbury e nel suo celeberrimo Farhenheit 451. L'AUTORE Ray Douglas...

leggi tutto
Il caso Malaussène. Mi hanno mentito

Il caso Malaussène. Mi hanno mentito

Capita a volte di leggere libri costruiti con una precisione e un equilibrio tali da far sembrare facile l’impresa di scrivere. Sono questi i romanzi dei grandi narratori, quelli che conoscono talmente bene la tecnica da saperla usare senza farsene accorgere. Un...

leggi tutto
Spizzichi e bocconi

Spizzichi e bocconi

Cibo e letteratura, sapori e ricordi. Sono binomi che fanno breccia volentieri nella sensibilità dei lettori, che cercano nelle pagine dei libri non solo racconti, ma anche riscontri. Spizzichi e bocconi di Erri De Luca fornisce gli uni e gli altri, con lo stile...

leggi tutto
Mai sentita così bene

Mai sentita così bene

Rendere in un romanzo la naturalezza, le sgrammaticature, le costruzioni tipiche del linguaggio parlato non è operazione facile. Sembrerebbe che non ci sia altro lavoro da svolgere che registrare e riportare su carta le voci che si sentono in giro tutti i giorni, ma...

leggi tutto
Il morso della vipera

Il morso della vipera

L’ambientazione e il clima di un libro sono ingredienti che possono far decollare o affossare una storia: vanno studiati e preparati con cura. Nel romanzo Il morso della vipera l’autrice, Alice Basso, lo ha fatto, regalandoci un romanzo storicamente credibile e...

leggi tutto
Tre atti e due tempi

Tre atti e due tempi

Non è necessario che una storia sia intrisa di sangue per generare suspense e avvincere il lettore; quella sensazione di ansiosa apprensione che certi libri sanno evocare si può ottenere anche quando il racconto non prevede omicidi o aggressioni, ma è costruito con...

leggi tutto
Uno scià alla corte d’Europa

Uno scià alla corte d’Europa

Ci sono vari modi per “leggere” la contemporaneità e cercare di capire quello che ci succede intorno, uno è quello di contestualizzarla, interpretandola alla luce della storia, domandandosi da dove derivi e perché si sia evoluta in un determinato modo piuttosto che in...

leggi tutto
Requiem

Requiem

Il significato di ciò che si scrive passa anche attraverso il linguaggio che si sceglie di usare per esprimerlo e a volte forma e contenuto sono così connessi fra loro da presupporsi a vicenda. Il libro che ti presento oggi ne è un esempio. Si intitola Requiem e...

leggi tutto
I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

I mondi che non ci appartengono diventano un po’ più nostri se a presentarceli sono le storie di personaggi che in quei luoghi vivono, muoiono, si raccontano. Il libro di oggi ci porta tra le vie di Istanbul, piene di odori, colori e persone. L’ha scritto Elif Shafak...

leggi tutto
RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy

Share This