Scrivere bene significa lasciare spazio al non detto

Scrivere bene significa lasciare spazio al non detto

“Lacuna. Saggio sul non detto” di Nicola Gardini fa riflettere sul valore del non detto in letteratura e dimostra, con un’analisi puntuale e ricca di esempi autorevoli, come la buona scrittura sia quella che sa dire solo quello che serve, lasciando al lettore lo spazio per immaginare il resto e desiderare di andare oltre.

Young adults: cosa sono e chi li legge

Young adults: cosa sono e chi li legge

Libri Young adults (abbreviato YA) cosa sono? Anzi sarebbe meglio chiedersi per chi sono? C’è molta confusione sull’argomento e la tendenza, a volte, è quella di considerarli un genere narrativo a sé stante. In realtà i termini definiscono una categoria di libri che si rivolgono allo stesso target di lettori, gli adolescenti, ma che piacciono anche agli adulti. Vale la pena conoscerne storia, evoluzione e incidenza sul mercato editoriale.

Narrazione digitale: quando raccontarsi diventa un gioco

Narrazione digitale: quando raccontarsi diventa un gioco

Avviare una narrazione digitale strutturata e costante è un ottimo sistema per intercettare i propri clienti e, se sei uno scrittore, per attirare l’attenzione di un editore o la curiosità dei lettori. Mantenere il ritmo del tuo personale storytelling però non è sempre così semplice. Il metodo SIEPE può aiutarti a trovare le idee per generare contenuti ogni volta diversi.

Scrivere a mano per (con)fondere segni e tempo

Scrivere a mano per (con)fondere segni e tempo

Scrivere a mano è un modo per raccontare noi stessi e la nostra storia attraverso lo stile personale con cui tracciamo lettere e segni. La calligrafia ha sempre interpretato le diverse epoche in cui si è espressa e anche oggi può farlo, dandoci la possibilità di conciliare creatività e tecnologia.

Piano editoriale e metodo per raccontarti sui social

Piano editoriale e metodo per raccontarti sui social

Per promuovere te stesso o la tua attività sui social non puoi fare a meno di avere un piano editoriale, attraverso cui organizzare gli argomenti e distribuirli con regolarità nel tempo. Trovare i contenuti per riempire il calendario, però, può diventare faticoso se ti affidi solo all’ispirazione del momento. Se invece scegli di avvalerti di un metodo, allora la comunicazione si rivelerà più semplice ed efficace. Il metodo che ti consiglio io si chiama SIEPE.

Silent book: la magia dei libri senza parole

Silent book: la magia dei libri senza parole

“Il ladro di polli” di Béatrice Rodriguez è un silent book, vale a dire un libro senza parole. Il significato del racconto passa attraverso le immagini e la sensibilità dell’occhio di chi le guarda, adulto o bambino che sia, perché questo genere di libri è davvero adatto a tutti.

La calligrafia è il corpo che danza

La calligrafia è il corpo che danza

Scrivere a mano seguendo le regole e i canoni estetici della calligrafia è un modo per fare esperienza della bellezza. Attraverso una prensione corretta dello strumento di scrittura e l’assunzione sulla sedia della giusta postura, le nostre tre dita scrivono, ma è tutto il corpo che lavora, anzi, danza.

Scrittura e sport: la lezione di De Coubertin

Scrittura e sport: la lezione di De Coubertin

Pierre de Frédy, barone di Coubertin, ideatore dei giochi olimpici moderni, ha speso la vita per diffondere un’idea di sport di valore, capace di cambiare la società e renderla migliore. Il gesto atletico è tale solo quando è compiuto nel rispetto delle regole e dell’avversario. Anche la scrittura è un gesto, sebbene di natura diversa, e anche lei può rendere migliore chi la pratica a patto che sia etica e si ispiri ai principi del fair play.

Tra saggio e racconto: Le piccole virtù della Ginzburg

Tra saggio e racconto: Le piccole virtù della Ginzburg

Le piccole virtù di Natalia Ginzburg è una raccolta di undici scritti tra il saggio e il racconto. In realtà non sono per niente “piccole” le tematiche che affronta l’autrice, perché trattate con l’acume di chi ha saputo fare suo il mestiere di scrivere, quello vero.

Calligrafia: disciplina della bellezza

Calligrafia: disciplina della bellezza

La calligrafia è una disciplina, con regole precise che bisogna imparare, ma è anche un’arte che ricerca e produce bellezza, un’alleata a scuola per stimolare nei bambini la memoria, l’apprendimento, il senso dell’ordine, una pratica che allena alla pazienza, restituisce calma, consente di affermare la propria personalità, la base per chiunque voglia fare della grafica la propria professione.

Share This