Bibliomanzia: la pratica di chi si affida ai libri

Bibliomanzia: la pratica di chi si affida ai libri

La Bibliomanzia è un metodo antico di divinazione per mezzo dei libri. Si tratta di estrarre a caso una frase da interpretare come responso a una domanda che porgiamo a noi stessi. Tutto ciò che occorre è un libro. Può essere presa come un gioco. Eppure…

Bibliografia: cos’è e come scriverla

Bibliografia: cos’è e come scriverla

La bibliografia è la disciplina che si occupa della corretta catalogazione dei testi, ma si può intendere anche come elenco delle fonti citate in un testo o che vengono indicate per suggerire ulteriori approfondimenti su determinati argomenti. Per redigere una buona bibliografia occorre conoscere e attenersi ad alcune regole.

Il racconto: consigli di scrittura e lezioni di pesca

Il racconto: consigli di scrittura e lezioni di pesca

Mi è capitato di scrivere racconti, ma tutte le volte che l’ho fatto ho sentito il bisogno di andare a rileggere le idee che riguardo alla scrittura hanno espresso gli autori più affermati come ad esempio Hemingway o Calvino, ma anche Paolo Cognetti che in un suo libro sull’arte di raccontare storie paragona la scrittura alla pesca.

Suminagashi: l’arte di dipingere sull’acqua

Suminagashi: l’arte di dipingere sull’acqua

Il Suminagashi è l’antica arte giapponese di dipingere sull’acqua. Attraverso le tracce di inchiostro che fluttuano sull’acqua, si formano disegni astratti che poi vengono trasferiti su carta adagiata sulla sua superficie. In passato si pensava che grazie ai disegni fluttuanti si potesse predire il futuro.

Romanzo epistolare: come lo scrivo?

Romanzo epistolare: come lo scrivo?

Il romanzo epistolare è un genere letterario basato sullo scambio di lettere, in cui l’autore può intervenire su parti di narrazione per spiegare o collegare fra loro le missive. Ha origini antiche, la sua storia è affascinante e anche se oggi si è persa l’abitudine di scrivere lettere a mano, escono ancora romanzi di questo tipo, che fanno riferimento però alle nuove forme di comunicazione e messaggistica.

Fantascienza: raccontare il post-apocalittico

Fantascienza: raccontare il post-apocalittico

Il genere letterario post-apocalittico è un filone particolare della fantascienza che ha una precisa filosofia e collocazione storica. Racconta di un mondo devastato da una catastrofe e senza regole, dove le persone devono lottare per la propria sopravvivenza. Esistono scenari tipici, temi ricorrenti e personaggi emblematici, ma l’interpretazione finale di ciò che viene raccontato rimane sempre al lettore.

Scrivere un saggio: io ho fatto così

Scrivere un saggio: io ho fatto così

L’idea di scrivere un saggio ha preso a ronzarmi in testa fin dal 1994, ma sono passati parecchi anni prima che maturasse e si concretizzasse nel libro “La mia anima è un’orchestra”. Qui descrivo tutte le fasi del processo che dall’intuizione mi ha portato a prendere in mano la penna e a darle corpo.

Scrivere bene significa lasciare spazio al non detto

Scrivere bene significa lasciare spazio al non detto

“Lacuna. Saggio sul non detto” di Nicola Gardini fa riflettere sul valore del non detto in letteratura e dimostra, con un’analisi puntuale e ricca di esempi autorevoli, come la buona scrittura sia quella che sa dire solo quello che serve, lasciando al lettore lo spazio per immaginare il resto e desiderare di andare oltre.

Young adults: cosa sono e chi li legge

Young adults: cosa sono e chi li legge

Libri Young adults (abbreviato YA) cosa sono? Anzi sarebbe meglio chiedersi per chi sono? C’è molta confusione sull’argomento e la tendenza, a volte, è quella di considerarli un genere narrativo a sé stante. In realtà i termini definiscono una categoria di libri che si rivolgono allo stesso target di lettori, gli adolescenti, ma che piacciono anche agli adulti. Vale la pena conoscerne storia, evoluzione e incidenza sul mercato editoriale.

Narrazione digitale: quando raccontarsi diventa un gioco

Narrazione digitale: quando raccontarsi diventa un gioco

Avviare una narrazione digitale strutturata e costante è un ottimo sistema per intercettare i propri clienti e, se sei uno scrittore, per attirare l’attenzione di un editore o la curiosità dei lettori. Mantenere il ritmo del tuo personale storytelling però non è sempre così semplice. Il metodo SIEPE può aiutarti a trovare le idee per generare contenuti ogni volta diversi.

Scrivere a mano per (con)fondere segni e tempo

Scrivere a mano per (con)fondere segni e tempo

Scrivere a mano è un modo per raccontare noi stessi e la nostra storia attraverso lo stile personale con cui tracciamo lettere e segni. La calligrafia ha sempre interpretato le diverse epoche in cui si è espressa e anche oggi può farlo, dandoci la possibilità di conciliare creatività e tecnologia.

Piano editoriale e metodo per raccontarti sui social

Piano editoriale e metodo per raccontarti sui social

Per promuovere te stesso o la tua attività sui social non puoi fare a meno di avere un piano editoriale, attraverso cui organizzare gli argomenti e distribuirli con regolarità nel tempo. Trovare i contenuti per riempire il calendario, però, può diventare faticoso se ti affidi solo all’ispirazione del momento. Se invece scegli di avvalerti di un metodo, allora la comunicazione si rivelerà più semplice ed efficace. Il metodo che ti consiglio io si chiama SIEPE.

Share This