Il racconto dell’ancella

Una delle magie che alcuni romanzi sanno creare è quella di riuscire a farci ragionare attraverso l’emozione e di accompagnarci in mondi inventati che però ci costringono a mettere in discussione anche quello reale. È senz’altro questo il principale obiettivo della narrativa distopica, ma quando a proporcela è un’autrice della levatura di Margaret Atwood allora non parliamo più di romanzo di genere, ma di raffinato esempio letterario. Il libro che analizzo oggi è: Il racconto dell’ancella.

 

L’AUTRICE

Margaret Eleanor Atwood nasce in Canada, a Ottawa, nel 1939. La sua attività di scrittrice abbraccia svariati generi e forme narrative: romanzi, saggi, raccolte di poesie. È un’attivista, femminista, impegnata a difesa dell’ambiente. È stata cinque volte finalista al Booker Prize, vinto nel 2000 con L’assassino cieco. Le sue opere hanno ricevuto riconoscimenti in tutto il mondo e il suo nome è comparso più volte nella rosa dei candidati al Premio Nobel per la letteratura.

LA TRAMA

La Terra è devastata da inquinamento chimico e radioattivo, la popolazione ha raggiunto un livello di natalità pari a zero e in tutto il mondo sono sorte rivolte popolari. Negli Stati Uniti, a seguito di un golpe, si è instaurata la “Repubblica di Galaad”, regime di ispirazione biblica che sconfessa tutte le altre religioni e impone una dittatura per cui le donne perdono ogni diritto civile. Per aumentare il tasso di natalità le donne fertili sono ridotte in schiavitù, diventano Ancelle e il loro corpo viene usato a scopo riproduttivo. Il libro riporta il racconto di una di loro, Difred, ovvero “che appartiene a Fred” suo comandante, perché a Galaad le donne come lei non hanno più diritto a niente, nemmeno ad un nome proprio.

 

DA NOTARE

Il genere di distopia che troviamo nelle pagine del presente romanzo possiede una forza narrativa davvero rara. La scelta della Atwood di far raccontare la storia in prima persona all’ancella Difred carica la vicenda, già di per sé allucinante, di un pathos straordinario. Anche quando la protagonista descrive la sua giornata tipo, scandita dai rituali della casa, dalle imposizioni e costrizioni della sua nuova esistenza, la tensione è molto alta. I ricordi sono sempre lì a stridere con la situazione in cui è ormai costretta a vivere e a provocare più dolore sono quelli all’apparenza più banali: il profumo dello smalto per le unghie che usa la moglie del comandante, l’odore del fumo di una sigaretta. I piccoli rituali di una normalità perduta sui quali il lettore è costretto a interrogarsi sentendosi parte attiva del dramma di colei che li avverte, li registra, li racconta. La Atwood è brava nel saper gestire i toni narrativi: ci sembra di sentire davvero sussurrare le ancelle quando, distese nei loro letti, si parlano di nascosto leggendosi reciprocamente le labbra, sentiamo tutto lo strazio e la concitazione delle immagini sconclusionate e dei suoni sovrapposti che sottolineano il momento in cui la protagonista si vede strappare dalle braccia la figlia e con lei la propria identità. Non stupisce che il romanzo, scritto peraltro nel 1985, sia stato scelto per dare vita di recente ad una serie Tv tra le più acclamate, il cui titolo originale è The Handmaid’s Tale, arrivata nel 2019 alla sua terza stagione.

 

INCIPIT

Si dormiva in quella che un tempo era la palestra. L’impiantito era di legno verniciato, con strisce e cerchi dipinti, per i giochi che vi si effettuavano in passato; i cerchi di ferro per il basket erano ancora appesi al muro, ma le reticelle erano scomparse. Una balconata per gli spettatori correva tutt’attorno allo stanzone, e mi pareva di sentire, vago come l’aleggiare di un’immagine, l’odore acre di sudore misto alla traccia dolciastra della gomma da masticare e del profumo che veniva dalle ragazze che stavano a guardare, con le gonne di panno che avevo visto nelle fotografie, poi in minigonna, poi in pantaloni, con un orecchino solo e i capelli a ciocche rigide, puntute e striate di verde. C’erano state delle feste da ballo; la musica indugiava, in un sovrapporsi di suoni inauditi, stile su stile, un sottofondo di tamburi, un lamento sconsolato, ghirlande di fiori di carta velina, diavoli di cartone e un ballo ruotante di specchi, a spolverare i ballerini di una neve lucente.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Cosmetica del nemico

Cosmetica del nemico

Quante volte ci siamo trovati in una sala d’attesa? In quei momenti inganniamo il tempo magari guardando il telefono, leggendo una rivista o ancora dialogando con chi attende insieme a noi. Che sia una conversazione entusiasmante o meno, voluta o no, con una persona o...

leggi tutto
Preghiera del mare

Preghiera del mare

Preghiera del Mare di Khaled Hosseini, come in un grande affresco, tra immagini e versi evocativi, racconta il contrasto tra un mondo lontano fatto di pace, colori caldi e suoni gioiosi, affetti importanti e la realtà presente dominata dai toni cupi delle bombe, che...

leggi tutto
Génie la matta

Génie la matta

Ci sono libri e personaggi che ci restano addosso per giorni, anche una volta riposti sullo scaffale. Ci lavorano dentro, sbucano tra le pagine dei nuovi romanzi che leggiamo e ci sembra che lasciarli andare sarebbe far loro un torto. Génie la matta è uno di questi...

leggi tutto
Fiore di roccia

Fiore di roccia

“Non è vero che le donne non sono mai scese in battaglia. Semplicemente, l’uomo le ha dimenticate”. Così pensa Agata Primus: protagonista del romanzo di Ilaria Tuti. E ha ragione. Nel corso della Prima guerra mondiale, sul fronte della Carnia, il contributo delle...

leggi tutto
Carmilla

Carmilla

Quando si riesce a creare, da subito, una suspense che suscita nel lettore l’aspettativa di qualcosa di misterioso e terribile, rimandando il racconto dell’evento attraverso l’uso sapiente del ritmo narrativo, abbiamo tra le mani un capolavoro della lettura gotica...

leggi tutto
Cronorifugio

Cronorifugio

Immaginate di entrare in una stanza e trovarvi catapultati in un altro periodo. Quale vorreste ritrovare? Gli anni ‘70, ‘80? Non è una domanda semplice a cui rispondere. L’istinto, forse, porterebbe ognuno a voler rivivere una particolare fase della propria vita ma il...

leggi tutto
Una cosa divertente che non farò mai più

Una cosa divertente che non farò mai più

Cosa succede quando un talentoso David Foster Wallace si imbarca su una nave da crociera e scrive un articolo per la rivista Harper’s? Semplice, il testo si trasforma in un reportage travolgente, ironico e appassionato. La narrazione, attraverso le mani dell’autore,...

leggi tutto
La simmetria dei desideri

La simmetria dei desideri

Ci sono storie che rappresentano la vita con tale naturalezza che nel leggerne il racconto ti sembra di vederla scorrere proprio in quel momento davanti agli occhi. Riconosci i tratti della quotidianità, di sentimenti universali, di un’umanità calata in quelli che più...

leggi tutto
Il quinto giorno

Il quinto giorno

I libri che sanno creare suspense sono capaci di coinvolgere a tal punto da farci perdere la cognizione del tempo.Riuscire a raccontare la tensione non è facile, soprattutto perché bisogna essere bravi a mantenerla nel corso della narrazione. Frank Schätzing ci riesce...

leggi tutto
Apologo del giudice bandito

Apologo del giudice bandito

Leggere è un piacere e il tempo che dedichiamo ai libri un regalo che facciamo a noi stessi. Ma è anche un’azione che richiede volontà e concentrazione, perché se ci distraiamo o siamo stanchi rischiamo di non capire o di dimenticare presto quello che troviamo...

leggi tutto
Il sentiero dei profumi

Il sentiero dei profumi

Le letture di evasione hanno la capacità di portarci altrove e di farci scoprire regioni che non abbiamo mia conosciuto. Il sentiero dei profumi di Cristina Caboni ci accompagna nel mondo delle essenze e riesce in più di un’occasione a farci immaginare addirittura i...

leggi tutto
Hunger Games

Hunger Games

L’espressione Young Adult, spesso abbreviata YA, sta ad indicare quei libri che vengono scritti espressamente per gli adolescenti, vale a dire per i giovani fra i 12 e i 18 anni. Hunger Games di Suzanne Collins, primo titolo di una trilogia, è uno YA distopico fra i...

leggi tutto
Destinazione immaginario

Destinazione immaginario

Che tipo di lettore/lettrice sei? Affezionato/a ad un unico genere letterario o capace di spaziare dal romanzo al saggio, dalla prosa alla poesia? A me piace alternare i tipi di letture, confrontarmi con forme di linguaggio differenti e con modi diversi d’interpretare...

leggi tutto
Io, robot

Io, robot

Le raccolte di racconti impegnano sia l’autore sia il lettore. Il primo deve saper padroneggiare la tecnica dell’essenzialità senza sacrificare la componente emozionale di cui le buone narrazioni non possono essere prive, il secondo è chiamato a entrare e uscire da...

leggi tutto
Il mulino dei dodici corvi

Il mulino dei dodici corvi

I romanzi di formazione, per loro natura, nascono per rivolgersi ai ragazzi, ovvero a personalità ancora in costruzione, ma se giocati su livelli narrativi diversi, possono offrire chiavi interpretative ulteriori e adatte anche per un pubblico maturo. È il caso de Il...

leggi tutto
Prima persona singolare

Prima persona singolare

Se sei tra quelli che nella lettura, compresa quella di racconti e romanzi, cerca risposte chiare e dati oggettivi, il libro che ti propongo oggi potrebbe spiazzarti, perché il suo autore è il mago dell’incerto, giocoliere dell’inverosimile. Sto parlando di Murakami...

leggi tutto
Americanah

Americanah

Tra i tanti pregi che hanno i libri c’è anche quello di aiutarci a capire prospettive che non ci appartengono e realtà che ci sono estranee. Attraverso il processo di immedesimazione con i personaggi, di cui ci appassioniamo, entriamo davvero nei loro panni e...

leggi tutto
La lunga strada della vendetta

La lunga strada della vendetta

Ci sono libri difficili da catalogare perché nascono proprio dall’intenzione dei loro autori di mescolare generi diversi, operazione tanto affascinante quanto delicata. Il rischio di creare un ibrido poco coerente infatti è molto elevato. Joe R. Lansdale invece ce ne...

leggi tutto
Il sentiero

Il sentiero

Vi è capitato di cominciare a leggere un libro e di far fatica a fermarti? A me spesso e di solito questo accade perché la trama è avvincente, ma soprattutto perché è ben costruita. È l’arte dell’autore di saper narrare che fa la differenza. Perché quando leggiamo non...

leggi tutto
RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy

Share This