La lunga strada della vendetta

Ci sono libri difficili da catalogare perché nascono proprio dall’intenzione dei loro autori di mescolare generi diversi, operazione tanto affascinante quanto delicata. Il rischio di creare un ibrido poco coerente infatti è molto elevato. Joe R. Lansdale invece ce ne fornisce un esempio ben riuscito nel suo romanzo La lunga strada della vendetta.

L’AUTORE

Joe R. Lansdale, nato nel 1951 a Gladewater, Texas, è un autore che spazia dal noir all’horror, dal fumetto al western, dalla fantascienza al thriller. Ha scritto parecchi romanzi, diverse raccolte di racconti, testi per la televisione e sceneggiature per il cinema.

LA TRAMA

Una Ford Thunderbird nera e scintillante si aggira per i vicoli angusti di Gotham City e nella vicina riserva indiana, falciando i passanti e seminando il terrore. Tocca allo sceriffo locale mezzosangue, detto Viso Pallido, districare le bizzarre testimonianze dei sopravvissuti. Mentre nelle strade i cadaveri spuntano come funghi, nell’oscurità si muove anche il giustiziere tormentato Batman. Riuscirà a fermare l’antica maledizione che pende sulla città? Nel romanzo si intrecciano le tradizioni mistiche pellerossa e la tecnologia distruttiva rappresentata dalla feroce “muscle car” guidata da un potere soprannaturale.

 

DA NOTARE

L’autore risolve il problema tecnico di introdurre Batman in un romanzo pulp, e quindi fuori dal fumetto, suo contesto naturale, usando l’espediente del diario personale nel quale l’eroe registra i propri stati d’animo. C’è una duplice voce narrativa: il narratore esterno e i monologhi di Batman indirizzati al maggiordomo Alfred. La scrittura tiene al laccio il lettore, facendo entrare in azione il giustiziere solo nello scontro finale con il male. Interessante è l’allestimento cinematografico delle sequenze, ottenuto attraverso l’indicazione della location e dell’orario degli accadimenti.

 

INCIPIT

In principio era il buio.

Poi furono i fari.

Si fecero abbaglianti.

E ciò era bene.

Udite, udite.

Coraggio, pensò Harders, potrebbe andare peggio.

Se ne stava in mezzo all’immondizia e guardava dall’altra parte del vicolo.

La sua gamba era lì in fondo.

Si ringrazia per la collaborazione a questa recensione Alessandra Pritie Maria Barzaghi.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Uno scià alla corte d’Europa

Uno scià alla corte d’Europa

Ci sono vari modi per “leggere” la contemporaneità e cercare di capire quello che ci succede intorno, uno è quello di contestualizzarla, interpretandola alla luce della storia, domandandosi da dove derivi e perché si sia evoluta in un determinato modo piuttosto che in...

leggi tutto
Requiem

Requiem

Il significato di ciò che si scrive passa anche attraverso il linguaggio che si sceglie di usare per esprimerlo e a volte forma e contenuto sono così connessi fra loro da presupporsi a vicenda. Il libro che ti presento oggi ne è un esempio. Si intitola Requiem e...

leggi tutto
I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

I mondi che non ci appartengono diventano un po’ più nostri se a presentarceli sono le storie di personaggi che in quei luoghi vivono, muoiono, si raccontano. Il libro di oggi ci porta tra le vie di Istanbul, piene di odori, colori e persone. L’ha scritto Elif Shafak...

leggi tutto
Il bar sotto il mare

Il bar sotto il mare

A volte l’abilità di uno scrittore sta nel modo in cui decide di strutturare la storia, nel sistema con cui sceglie di organizzare il materiale narrativo che ha a disposizione. E così una miscellanea di racconti diversi può diventare libro se l’autore trova l’idea per...

leggi tutto
Io sono Dot

Io sono Dot

Nei romanzi la storia funziona quando i personaggi sono stati costruiti bene, dialogano e agiscono in modo credibile, rendendo originale quello che succede, anche quando è uno spaccato della quotidianità. Il libro che prendo in esame oggi ne è un esempio: sto parlando...

leggi tutto
Il treno dei bambini

Il treno dei bambini

La narrativa spesso colma le lacune della Storia, che presa a raccontare gli eventi di ampio respiro e di portata nazionale, tralascia a volte di ricordare la vita delle persone, i loro drammi, la loro solidarietà, su cui invece tutti i Paesi fanno affidamento per...

leggi tutto
La misura del tempo

La misura del tempo

Il libro che analizziamo oggi è proprio uno dei sei finalisti del Premio Strega 2020. L’autore è Gianrico Carofiglio e il titolo La misura del tempo.L'AUTORE Gianrico Carofiglio, nato a Bari nel 1961, è figlio d’arte: sua madre è stata la scrittrice Enza Buono....

leggi tutto
Sotto un cielo sempre azzurro

Sotto un cielo sempre azzurro

Le storie cambiano a seconda di chi le racconta e non soltanto perché ognuno ha un proprio modo di ricostruire gli eventi e di dare risalto a particolari diversi, ma anche in virtù della voce che le narra. Quella contenuta nel libro che ti propongo oggi aveva bisogno...

leggi tutto
Il mio nome è rosso

Il mio nome è rosso

Potrei fare un lungo elenco delle ragioni per cui mi piace leggere: perché imparo, mi diverto, mi emoziono, mi perdo e mi ritrovo. Ogni libro, purché sia buono, regala prospettive diverse, motivazioni nuove. Il romanzo che analizzo oggi ha la capacità di portarmi in...

leggi tutto
Nel giardino delle scrittrici nude

Nel giardino delle scrittrici nude

Amo la sana ironia, penso sia una forma raffinata di intelligenza e quando la ritrovo nei libri provo una soddisfazione doppia nel leggerli. Il romanzo che proponiamo oggi è di un autore che, per dichiarata sua ammissione, si pone come obiettivo di far ridere e di...

leggi tutto
Una domenica

Una domenica

La forza di una narrazione sta nell’accadimento, ma talvolta si equivoca sul significato da attribuire a questo concetto e si pensa che debba per forza trattarsi di qualcosa di stravolgente ed eccezionale. E invece basta guardare la vita di sempre attraverso il filtro...

leggi tutto
Le ho mai raccontato del vento del Nord

Le ho mai raccontato del vento del Nord

La situazione che stiamo vivendo ci porta a fare i conti con il peso della distanza e a guardare con gratitudine alle opportunità della tecnologia. Il libro di oggi, in tempi non sospetti - è uscito nel 2013 - tratta entrambi i temi con spensierata leggerezza. Si...

leggi tutto
Dopo di lei

Dopo di lei

Diceva Forrest Gump: “La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita”. I bocconi amari non sono facili da mandare giù, ma non per questo dobbiamo tenerci un cattivo sapore in bocca. Il libro di oggi è Dopo di lei di Jonathan Tropper, un...

leggi tutto
Assolutamente musica

Assolutamente musica

Oggi ti invito a seguirmi nell’analisi di un libro che, dato il titolo, non avrebbe dovuto attirare la mia attenzione: sto parlando di “Assolutamente musica”, una raccolta di interviste di Haruki Murakami al direttore d’orchestra Ozawa Seiji. Quell’”assolutamente” che...

leggi tutto
Mio fratello

Mio fratello

I ricordi, di cui tutti siamo ricchi, sono da sempre fonte di ispirazione e materiale prezioso per scrittori e artisti. Filtrati dalla sensibilità di chi li maneggia possono smarcarsi dalla dimensione personale e diventare un magnifico patrimonio di tutti, come nel...

leggi tutto
Manuale del giovane scrittore creativo

Manuale del giovane scrittore creativo

Se c’è una cosa che ho imparato dalla scrittura e dalle mie esperienze che con essa hanno avuto a che fare, come ad esempio la direzione per dieci anni della casa editrice Astragalo, è che quando gli autori lavorano bene, i libri che producono travalicano il genere...

leggi tutto
Cecità

Cecità

Alcuni libri hanno il potere, una volta letti, di ritornare alla memoria specie quando si vivono situazioni personali o collettive che ce li richiamano per associazione. In questi giorni di allarme globale il libro che mi torna in mente con insistenza è Cecità di José...

leggi tutto
La donna che scriveva racconti

La donna che scriveva racconti

Leggo per lavoro, tanto, sempre. Quando posso scegliere però, faccio in modo di inserire tra le mie letture qualche raccolta di racconti, storie brevi, concise. Si può imparare molto dai racconti, soprattutto se ben scritti e quelli di Lucia Berlin rientrano fra...

leggi tutto
Scrivere diritto

Scrivere diritto

Sarà per via della mia formazione giuridica, sarà per l’arguzia del titolo che trovo azzeccatissimo, ma il libro che ti propongo oggi mi ha proprio conquistato. S’intitola Scrivere diritto ed è un manuale di scrittura rivolto per lo più a coloro che, in ambito...

leggi tutto
La camera azzurra

La camera azzurra

Ho un debole per i libri che non si limitano a raccontare una storia, ma mi chiamano in causa come lettrice rendendomi complice dell’autore. Sono i libri che lasciano intravedere invece di descrivere, suggeriscono invece di dire. La camera azzurra di Georges Simenon è...

leggi tutto
RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy

Share This