L’Ickabog

Poco prima di Natale è uscito in Italia l’Ickabog, ultimo libro di J.K. Rowling. L’autrice ha dichiarato di aver avuto l’idea della storia parecchi anni fa e di averla scritta a brani tra un Harry Potter e l’altro. Relegato in soffitta per tanto tempo, durante il lockdown del marzo scorso, la scrittrice lo ha ripreso in mano pubblicandone gratuitamente i capitoli on line per far compagnia ai bambini costretti a casa dalla pandemia. La versione cartacea ha riacceso gli entusiasmi dei tanti fans dell’autrice, anche se il clima di questa fiaba non ha niente a che vedere con le atmosfere dei libri precedenti.

L’AUTRICE

Joanne Rowling, scrittrice, sceneggiatrice e produttrice cinematografica, è nata a Yate (Inghilterra) nel 1965. È a tutti nota come la mamma di Harry Potter, ovvero autrice della celeberrima saga in sette volumi ambientata nella scuola di magia di Hogwarts. Il primo libro della serie, Harry Potter e la pietra filosofale, terminato nel 1995 è stato rifiutato da dodici case editrici prima di essere pubblicato da Bloomsbury, casa editrice indipendente allora poco conosciuta. Il successo che ne è seguito ha portato la Rowling a passare da uno stato di indigenza pressoché totale ad essere l’autrice che ha venduto il maggior numero di copie di libri al mondo.

LA TRAMA

La piccola nazione di Cornucopia sembra un’isola felice con i suoi cibi succulenti, le bevande deliziose, le stoffe raffinate e una pace che regna ormai da anni. La governa Teo, un re vanitoso e stolto, manovrato come un burattino dai due lord che lo affiancano: Scaracchino e Flappone. L’unica parte di regno dove domina la povertà si trova a Nord, nella zona delle Paludi, ma è troppo lontana perché re Teo se ne preoccupi. Lì la leggenda vuole che viva l’Ickabog, un mostro che nessuno ha mai visto, e che si dice mangi animali e persone. Tutti sanno che si tratta di un’invenzione, ma a seguito di un caso del tutto accidentale, a Scaracchino e Flappone farà comodo diffondere la notizia che in realtà il mostro esista davvero. Da questa iniziale bugia ne deriveranno, a cascata, un’infinità di altre unite ad atti di ingiustizia e vere atrocità. Toccherà ai due amici Margherita e Robi smascherare gl’impostori e rivelare la verità sull’Ickabog.

 

DA NOTARE

Una fiaba che, come da copione, inizia con il tradizionale C’era una volta, ma che poco dopo cambia tono con il riferimento al termine Temerario che il re Teo si è attribuito da sé, in virtù della straordinaria impresa di aver catturato e ucciso una vespa “tutto da solo”. Allora la cifra ironica del racconto, che domina più nello stile della narrazione che nel suo contenuto, salta fuori con evidenza, dando la sensazione che anche il ricorso al più classico degli incipit voglia in realtà essere uno scherzo. La Rowling sa raccontare, non c’è che dire, e riesce a farlo arrivando con la stessa incisività sia ai bambini, a cui la fiaba è dedicata, sia agli adulti che potranno trovare nella lettura più livelli di significati. Riuscire ad accattivarsi un doppio pubblico non è semplice, perché occorre saper evitare la retorica e gli stereotipi percorrendo un terreno, quello delle fiabe per bambini, che di stereotipi e di retorica molto spesso si nutrono.

L’unico appunto, imputabile forse più alla traduzione che al testo originale, è il mancato ricorso al congiuntivo là dove la lingua italiana lo avrebbe talvolta previsto e qualche ripetizione di troppo di termini e particelle del discorso all’interno di alcune frasi che appesantiscono il testo. Una cura maggiore della resa stilistica avrebbe giovato.

 

INCIPIT

C’era un a volta una minuscola nazione chiamata Cornucopia, da secoli governata da una lunga stirpe di re dai capelli biondi. Ai tempi della nostra storia il re si chiamava Teo il Temerario. Il ‘Temerario’ l’aveva aggiunto lui la mattina dell’incoronazione, in parte perché stava bene con ‘Teo’, ma anche perché una volta era riuscito a catturare e uccidere una vespa tutto da solo, se non contiamo i cinque valletti e il lustrascarpe.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Fahrenheit 451

Fahrenheit 451

Amo gli autori che sperimentano, innovano e cercano soluzioni narrative inconsuete per rendere in maniera originale la storia che intendono raccontare. Ho trovato tutto questo nello stile di Ray Bradbury e nel suo celeberrimo Farhenheit 451. L'AUTORE Ray Douglas...

leggi tutto
Il caso Malaussène. Mi hanno mentito

Il caso Malaussène. Mi hanno mentito

Capita a volte di leggere libri costruiti con una precisione e un equilibrio tali da far sembrare facile l’impresa di scrivere. Sono questi i romanzi dei grandi narratori, quelli che conoscono talmente bene la tecnica da saperla usare senza farsene accorgere. Un...

leggi tutto
Spizzichi e bocconi

Spizzichi e bocconi

Cibo e letteratura, sapori e ricordi. Sono binomi che fanno breccia volentieri nella sensibilità dei lettori, che cercano nelle pagine dei libri non solo racconti, ma anche riscontri. Spizzichi e bocconi di Erri De Luca fornisce gli uni e gli altri, con lo stile...

leggi tutto
Mai sentita così bene

Mai sentita così bene

Rendere in un romanzo la naturalezza, le sgrammaticature, le costruzioni tipiche del linguaggio parlato non è operazione facile. Sembrerebbe che non ci sia altro lavoro da svolgere che registrare e riportare su carta le voci che si sentono in giro tutti i giorni, ma...

leggi tutto
Il morso della vipera

Il morso della vipera

L’ambientazione e il clima di un libro sono ingredienti che possono far decollare o affossare una storia: vanno studiati e preparati con cura. Nel romanzo Il morso della vipera l’autrice, Alice Basso, lo ha fatto, regalandoci un romanzo storicamente credibile e...

leggi tutto
Tre atti e due tempi

Tre atti e due tempi

Non è necessario che una storia sia intrisa di sangue per generare suspense e avvincere il lettore; quella sensazione di ansiosa apprensione che certi libri sanno evocare si può ottenere anche quando il racconto non prevede omicidi o aggressioni, ma è costruito con...

leggi tutto
Uno scià alla corte d’Europa

Uno scià alla corte d’Europa

Ci sono vari modi per “leggere” la contemporaneità e cercare di capire quello che ci succede intorno, uno è quello di contestualizzarla, interpretandola alla luce della storia, domandandosi da dove derivi e perché si sia evoluta in un determinato modo piuttosto che in...

leggi tutto
Requiem

Requiem

Il significato di ciò che si scrive passa anche attraverso il linguaggio che si sceglie di usare per esprimerlo e a volte forma e contenuto sono così connessi fra loro da presupporsi a vicenda. Il libro che ti presento oggi ne è un esempio. Si intitola Requiem e...

leggi tutto
I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

I mondi che non ci appartengono diventano un po’ più nostri se a presentarceli sono le storie di personaggi che in quei luoghi vivono, muoiono, si raccontano. Il libro di oggi ci porta tra le vie di Istanbul, piene di odori, colori e persone. L’ha scritto Elif Shafak...

leggi tutto
Il bar sotto il mare

Il bar sotto il mare

A volte l’abilità di uno scrittore sta nel modo in cui decide di strutturare la storia, nel sistema con cui sceglie di organizzare il materiale narrativo che ha a disposizione. E così una miscellanea di racconti diversi può diventare libro se l’autore trova l’idea per...

leggi tutto
Io sono Dot

Io sono Dot

Nei romanzi la storia funziona quando i personaggi sono stati costruiti bene, dialogano e agiscono in modo credibile, rendendo originale quello che succede, anche quando è uno spaccato della quotidianità. Il libro che prendo in esame oggi ne è un esempio: sto parlando...

leggi tutto
Il treno dei bambini

Il treno dei bambini

La narrativa spesso colma le lacune della Storia, che presa a raccontare gli eventi di ampio respiro e di portata nazionale, tralascia a volte di ricordare la vita delle persone, i loro drammi, la loro solidarietà, su cui invece tutti i Paesi fanno affidamento per...

leggi tutto
La misura del tempo

La misura del tempo

Il libro che analizziamo oggi è proprio uno dei sei finalisti del Premio Strega 2020. L’autore è Gianrico Carofiglio e il titolo La misura del tempo.L'AUTORE Gianrico Carofiglio, nato a Bari nel 1961, è figlio d’arte: sua madre è stata la scrittrice Enza Buono....

leggi tutto
Sotto un cielo sempre azzurro

Sotto un cielo sempre azzurro

Le storie cambiano a seconda di chi le racconta e non soltanto perché ognuno ha un proprio modo di ricostruire gli eventi e di dare risalto a particolari diversi, ma anche in virtù della voce che le narra. Quella contenuta nel libro che ti propongo oggi aveva bisogno...

leggi tutto
Il mio nome è rosso

Il mio nome è rosso

Potrei fare un lungo elenco delle ragioni per cui mi piace leggere: perché imparo, mi diverto, mi emoziono, mi perdo e mi ritrovo. Ogni libro, purché sia buono, regala prospettive diverse, motivazioni nuove. Il romanzo che analizzo oggi ha la capacità di portarmi in...

leggi tutto
Nel giardino delle scrittrici nude

Nel giardino delle scrittrici nude

Amo la sana ironia, penso sia una forma raffinata di intelligenza e quando la ritrovo nei libri provo una soddisfazione doppia nel leggerli. Il romanzo che proponiamo oggi è di un autore che, per dichiarata sua ammissione, si pone come obiettivo di far ridere e di...

leggi tutto
Una domenica

Una domenica

La forza di una narrazione sta nell’accadimento, ma talvolta si equivoca sul significato da attribuire a questo concetto e si pensa che debba per forza trattarsi di qualcosa di stravolgente ed eccezionale. E invece basta guardare la vita di sempre attraverso il filtro...

leggi tutto
Le ho mai raccontato del vento del Nord

Le ho mai raccontato del vento del Nord

La situazione che stiamo vivendo ci porta a fare i conti con il peso della distanza e a guardare con gratitudine alle opportunità della tecnologia. Il libro di oggi, in tempi non sospetti - è uscito nel 2013 - tratta entrambi i temi con spensierata leggerezza. Si...

leggi tutto
Dopo di lei

Dopo di lei

Diceva Forrest Gump: “La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita”. I bocconi amari non sono facili da mandare giù, ma non per questo dobbiamo tenerci un cattivo sapore in bocca. Il libro di oggi è Dopo di lei di Jonathan Tropper, un...

leggi tutto
Assolutamente musica

Assolutamente musica

Oggi ti invito a seguirmi nell’analisi di un libro che, dato il titolo, non avrebbe dovuto attirare la mia attenzione: sto parlando di “Assolutamente musica”, una raccolta di interviste di Haruki Murakami al direttore d’orchestra Ozawa Seiji. Quell’”assolutamente” che...

leggi tutto
RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy

Share This