L’orto di un perdigiorno

Ci sono libri che più che raccontare trame creano atmosfere e riescono a renderle così vivide e tangibili, da coinvolgere il lettore trasportandolo altrove. L’orto di un perdigiorno di Pia Pera, che ti suggerisco oggi, ci accompagna con dolcezza nella campagna toscana e ce la descrive con la grazia e la sapienza proprie soltanto di chi ama profondamente il posto in cui ha scelto di stare.

L’AUTRICE

Pia Pera, nata a Lucca nel 1956, è stata professoressa di letteratura russa, traduttrice dal russo di autori classici e contemporanei e talentuosa scrittrice di narrativa e saggistica. Appassionata di giardinaggio, dopo aver vissuto e lavorato a Milano, anche come editor per Garzanti, torna ad abitare nella campagna toscana, prendendosi cura di un antico podere di famiglia. Muore nel 2016 per le conseguenze di una malattia degenerativa.

LA TRAMA

Non è facile raccontare la trama de L’orto di un perdigiorno, perché il libro sembra non averne una. La narrazione segue il ritmo delle stagioni e il susseguirsi dei mesi che vengono raccontati attraverso i cambiamenti di colori, luce, paesaggi e frutti forniti dall’orto di cui la protagonista-narratrice ha deciso di prendersi cura, pur non avendo, all’inizio, alcuna esperienza in materia. Il racconto allora assume più che altro l’aspetto di diario che registra i tentativi dell’autrice di mettere in atto il proprio progetto di orto e, pian piano, prende coscienza di come coltivare la terra significhi, in realtà, coltivare se stessi. Le parole diventato “confessioni” e chi le scrive “un apprendista ortolano”, come recita bene il sottotitolo dell’opera.

 

DA NOTARE

Le descrizioni di paesaggi e ambienti rappresentano una prova insidiosa per gli scrittori e, se mal condotte, possono diventare una parentesi noiosa per i lettori che spesso le sorvolano senza remore per arrivare subito al dunque. Ne L’orto di un perdigiorno invece rappresentano il tessuto essenziale della narrazione, allo stesso tempo oggetto e soggetto del racconto. La loro forza ed efficacia va ricercata nell’originalità con la quale sono presentate: Pia Pera attinge i vocaboli dal bagaglio delle proprie conoscenze botaniche, che padroneggia con disinvoltura, ma sa che per descrivere la commozione che si prova davanti allo spettacolo della Natura e ai suoi frutti i tecnicismi non servono, bisogna trovare immagini nuove, associazioni ardite, aggettivazioni originali. Bisogna far ricorso a tutti e cinque i sensi e far arrivare al lettore i sapori, gli odori, le sensazioni tattili e uditive, oltre a quelle visive. Allora non sarà difficile incontrare, nel testo, brani come questo che riporto testualmente a titolo di esempio:

“In fondo al campo, i cespugli di corbezzoli sono punteggiati dalle prime bacche. Tonde, con la buccia ruvida e screpolata come una lingua di mucca, ancora troppo dure per mangiarle, hanno già i colori che conserveranno fino all’inverno: giallo caldo striato d’arancio, rosso corallo, rosso sugo macchiato di bruno”.

 

INCIPIT

In certi momenti la felicità è troppo intensa, trabocca, da non contenerla. Come adesso davanti al rosso rubino delle amarene contro il verde scuro delle foglie. Il piacere di guardarli, tutti quei puntolini di un lucido rosso liquido. L’ingordigia li fa afferrare uno dopo l’altro, con prepotenza.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Mio fratello

Mio fratello

I ricordi, di cui tutti siamo ricchi, sono da sempre fonte di ispirazione e materiale prezioso per scrittori e artisti. Filtrati dalla sensibilità di chi li maneggia possono smarcarsi dalla dimensione personale e diventare un magnifico patrimonio di tutti, come nel...

leggi tutto
Manuale del giovane scrittore creativo

Manuale del giovane scrittore creativo

Se c’è una cosa che ho imparato dalla scrittura e dalle mie esperienze che con essa hanno avuto a che fare, come ad esempio la direzione per dieci anni della casa editrice Astragalo, è che quando gli autori lavorano bene, i libri che producono travalicano il genere...

leggi tutto
Cecità

Cecità

Alcuni libri hanno il potere, una volta letti, di ritornare alla memoria specie quando si vivono situazioni personali o collettive che ce li richiamano per associazione. In questi giorni di allarme globale il libro che mi torna in mente con insistenza è Cecità di José...

leggi tutto
La donna che scriveva racconti

La donna che scriveva racconti

Leggo per lavoro, tanto, sempre. Quando posso scegliere però, faccio in modo di inserire tra le mie letture qualche raccolta di racconti, storie brevi, concise. Si può imparare molto dai racconti, soprattutto se ben scritti e quelli di Lucia Berlin rientrano fra...

leggi tutto
Scrivere dritto

Scrivere dritto

Sarà per via della mia formazione giuridica, sarà per l’arguzia del titolo che trovo azzeccatissimo, ma il libro che ti propongo oggi mi ha proprio conquistato. S’intitola Scrivere diritto ed è un manuale di scrittura rivolto per lo più a coloro che, in ambito...

leggi tutto
La camera azzurra

La camera azzurra

Ho un debole per i libri che non si limitano a raccontare una storia, ma mi chiamano in causa come lettrice rendendomi complice dell’autore. Sono i libri che lasciano intravedere invece di descrivere, suggeriscono invece di dire. La camera azzurra di Georges Simenon è...

leggi tutto
Il testimone auricolare

Il testimone auricolare

Oggi desidero portare alla tua attenzione un libretto che ritengo un gioiellino per la capacità che ha mostrato l’autore di caratterizzare alcune tipologie umane, cinquanta per la precisione. S’intitola Il Testimone auricolare e l’ha scritto Elias Canetti. L' AUTORE...

leggi tutto
Follia

Follia

Il libro di oggi è un romanzo psicologico che ci catapulta senza rete nell’inestricabile groviglio delle passioni umane. S’intitola Follia e il suo autore è Patrick McGrath.   L'AUTORE Patrick McGrath è uno scrittore inglese nato a Londra nel 1950. Suo padre,...

leggi tutto

RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy