Manuale del giovane scrittore creativo

Se c’è una cosa che ho imparato dalla scrittura e dalle mie esperienze che con essa hanno avuto a che fare, come ad esempio la direzione per dieci anni della casa editrice Astragalo, è che quando gli autori lavorano bene, i libri che producono travalicano il genere narrativo e il target di pubblico per il quale sono stati pensati e diventano patrimonio prezioso di tutti. Il libro che ti consiglio oggi s’intitola Manuale del giovane scrittore creativo e l’ha scritto Bianca Pitzorno, una tra le più note autrici per l’infanzia e i ragazzi.

L’AUTRICE

Bianca Pitzorno è nata a Sassari nel 1942, dopo essersi laureata in lettere antiche, si è trasferita a Milano dove si è specializzata in cinema e televisione. Per alcuni anni ha lavorato alla RAI, occupandosi di programmi culturali, come Sapere e Tuttolibri, e per ragazzi come Chi lo sa? e il Dirodolando; in tempi più recenti è stata tra gli autori de L’albero azzurro. Dal 1970 a oggi ha pubblicato più di quaranta libri per bambini e ragazzi, molti dei quali di grande successo e tradotti in tutto il mondo. Nel 2012 è stata finalista al Premio internazionale Andersen.

LA TRAMA

Un vero manuale di tecniche di scrittura che propone una carrellata su quelli che sono i cardini fondanti di racconti e storie. Nel Sommario troviamo capitoli dai titoli fantasiosi come La maga Mirna o Nella borsa di Tittivillus che in realtà trattano di argomenti come gli anagrammi e i giochi di parole. Ci sono però anche capitoli dai titoli meno estrosi come Miscellanea di acrostici e Finalmente il romanzo! che bene fanno intendere quanto serie siano le informazioni che l’autrice intende trasmettere. Molte delle pagine del manuale sono dedicate alla pratica e propongono diversi esercizi per stimolare la fantasia ed esercitare la scrittura.

 

DA NOTARE

Il Manuale del Giovane Scrittore creativo fa passare il concetto che scrivere sia tutt’altro che il frutto di un’ispirazione momentanea, quanto piuttosto un’attività supportata da regole e norme precise. Ma i destinatari sono i bambini e quindi i contenuti da soli non bastano per far breccia su di un pubblico così esigente. Il modo di porli fa la differenza. Chi ha voglia e attitudine per parlare ai bambini e ai ragazzi può trarre ispirazione dal testo della Pitzorno per vedere come tradurre i concetti che ha da dire nella maniera più efficace possibile. I bambini si stancano con più facilità e sono meno disposti degli adulti a concedere chances a libri poco coinvolgenti. Quando si decide di parlare loro di argomenti importanti come le tecniche della scrittura bisogna evitare i toni didascalici e cattedratici e far leva piuttosto su curiosità e fantasia. I manuali per loro natura sono divisi per punti e tendono ad essere schematici, la Pitzorno, invece, pur procedendo per argomenti, crea un personaggio che accompagni il giovane lettore in questo itinerario e si avvale di un linguaggio fresco improntato al divertimento e di immagini che stuzzichino l’interesse. Il risultato è un libro che i più giovani sfogliano con piacere e che i più grandi apprezzano per originalità.

Ancora una considerazione sullo stile: già leggendo l’incipit del testo si potrà notare come l’autrice ricorra con tranquillità all’uso dei punti esclamativi, delle domande retoriche, dei vezzeggiativi. Sono strumenti espressivi sconsigliati nella prosa “adulta”, ma che invece si rivelano adattissimi (come i superlativi assoluti) in quella per bambini.

 

INCIPIT

Caro diario,

ieri su una bancarella di libri usati ne ho trovato uno che mi ha fatto fare salti di gioia. Si intitola Manuale del Giovane Scrittore Creativo. Proprio quello che mi ci voleva per esercitarmi.

C’è però una cosa che mi dà fastidio. Tutte le illustrazioni si riferiscono a un cagnolino, mi sembra un piccolo bracco, e a certi suoi amici dalla testa grossa e dagli strani nomi americani. Cosa c’entrano con me e con le storie che voglio scrivere? Mica voglio un cane per maestro, io! Così poi l’Arpia mi direbbe che scrivo come un cane.

Ho trovato! Sostituirò tutte le illustrazioni. Ci incollerò sopra le più belle foto mie, dei miei parenti e delle mie amiche e chiederò a Rosalba di farmi qualche disegno. Così il manuale diventerà proprio mio, strettamente personale.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Benito Cereno

Benito Cereno

Fra le molteplici letture che affronto, per piacere o per lavoro, cerco di prevedere sempre anche qualche classico della letteratura, quelli di cui Italo Calvino un giorno, interrogato su quale potesse essere la definizione adatta a descriverli, disse: Un classico è...

Women in the metaverse

Women in the metaverse

Che cosa evoca in chi la sente la parola Metaverso? Che cos'è davvero questa dimensione a cui possiamo accedere dotandosi di un avatar? In particolare ci si potrebbe domandare che utilità parlare di Metaverso al di fuori del gaming, del gioco. In realtà, si può...

Nella stanza di Emily

Nella stanza di Emily

Quando si ama un autore si vorrebbe conoscere tutto di lui: i testi, la vita, il pensiero, ma anche i luoghi in cui ha vissuto, la stanza dove ha lavorato, il panorama che da quella stanza lo ha ispirato. È da questa esigenza che è nato Nella stanza di Emily, il libro...

Divergent

Divergent

Leggo per tante ragioni: lavoro, piacere, bisogno di informarmi, voglia di imparare. A seconda dei motivi, il mio approccio ai libri cambia e con lui le aspettative. Ma se sto leggendo per svago, allora quello che cerco è una storia. Una buona storia in cui perdermi....

Fahrenheit 451

Fahrenheit 451

Amo gli autori che sperimentano, innovano e cercano soluzioni narrative inconsuete per rendere in maniera originale la storia che intendono raccontare. Ho trovato tutto questo nello stile di Ray Bradbury e nel suo celeberrimo Farhenheit 451. L'AUTORE Ray Douglas...

Spizzichi e bocconi

Spizzichi e bocconi

Cibo e letteratura, sapori e ricordi. Sono binomi che fanno breccia volentieri nella sensibilità dei lettori, che cercano nelle pagine dei libri non solo racconti, ma anche riscontri. Spizzichi e bocconi di Erri De Luca fornisce gli uni e gli altri, con lo stile...

Mai sentita così bene

Mai sentita così bene

Rendere in un romanzo la naturalezza, le sgrammaticature, le costruzioni tipiche del linguaggio parlato non è operazione facile. Sembrerebbe che non ci sia altro lavoro da svolgere che registrare e riportare su carta le voci che si sentono in giro tutti i giorni, ma...

Il morso della vipera

Il morso della vipera

L’ambientazione e il clima di un libro sono ingredienti che possono far decollare o affossare una storia: vanno studiati e preparati con cura. Nel romanzo Il morso della vipera l’autrice, Alice Basso, lo ha fatto, regalandoci un romanzo storicamente credibile e...

Tre atti e due tempi

Tre atti e due tempi

Non è necessario che una storia sia intrisa di sangue per generare suspense e avvincere il lettore; quella sensazione di ansiosa apprensione che certi libri sanno evocare si può ottenere anche quando il racconto non prevede omicidi o aggressioni, ma è costruito con...

Requiem

Requiem

Il significato di ciò che si scrive passa anche attraverso il linguaggio che si sceglie di usare per esprimerlo e a volte forma e contenuto sono così connessi fra loro da presupporsi a vicenda. Il libro che ti presento oggi ne è un esempio. Si intitola Requiem e...

Il bar sotto il mare

Il bar sotto il mare

A volte l’abilità di uno scrittore sta nel modo in cui decide di strutturare la storia, nel sistema con cui sceglie di organizzare il materiale narrativo che ha a disposizione. E così una miscellanea di racconti diversi può diventare libro se l’autore trova l’idea per...

Io sono Dot

Io sono Dot

Nei romanzi la storia funziona quando i personaggi sono stati costruiti bene, dialogano e agiscono in modo credibile, rendendo originale quello che succede, anche quando è uno spaccato della quotidianità. Il libro che prendo in esame oggi ne è un esempio: sto parlando...

Il treno dei bambini

Il treno dei bambini

La narrativa spesso colma le lacune della Storia, che presa a raccontare gli eventi di ampio respiro e di portata nazionale, tralascia a volte di ricordare la vita delle persone, i loro drammi, la loro solidarietà, su cui invece tutti i Paesi fanno affidamento per...

La misura del tempo

La misura del tempo

Il libro che analizziamo oggi è proprio uno dei sei finalisti del Premio Strega 2020. L’autore è Gianrico Carofiglio e il titolo La misura del tempo.L'AUTORE Gianrico Carofiglio, nato a Bari nel 1961, è figlio d’arte: sua madre è stata la scrittrice Enza Buono....

RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy

Share This