Manuale del giovane scrittore creativo

Se c’è una cosa che ho imparato dalla scrittura e dalle mie esperienze che con essa hanno avuto a che fare, come ad esempio la direzione per dieci anni della casa editrice Astragalo, è che quando gli autori lavorano bene, i libri che producono travalicano il genere narrativo e il target di pubblico per il quale sono stati pensati e diventano patrimonio prezioso di tutti. Il libro che ti consiglio oggi s’intitola Manuale del giovane scrittore creativo e l’ha scritto Bianca Pitzorno, una tra le più note autrici per l’infanzia e i ragazzi.

 

L’AUTRICE

Bianca Pitzorno è nata a Sassari nel 1942, dopo essersi laureata in lettere antiche, si è trasferita a Milano dove si è specializzata in cinema e televisione. Per alcuni anni ha lavorato alla RAI, occupandosi di programmi culturali, come Sapere e Tuttolibri, e per ragazzi come Chi lo sa? e il Dirodolando; in tempi più recenti è stata tra gli autori de L’albero azzurro. Dal 1970 a oggi ha pubblicato più di quaranta libri per bambini e ragazzi, molti dei quali di grande successo e tradotti in tutto il mondo. Nel 2012 è stata finalista al Premio internazionale Andersen.

LA TRAMA

Un vero manuale di tecniche di scrittura che propone una carrellata su quelli che sono i cardini fondanti di racconti e storie. Nel Sommario troviamo capitoli dai titoli fantasiosi come La maga Mirna o Nella borsa di Tittivillus che in realtà trattano di argomenti come gli anagrammi e i giochi di parole. Ci sono però anche capitoli dai titoli meno estrosi come Miscellanea di acrostici e Finalmente il romanzo! che bene fanno intendere quanto serie siano le informazioni che l’autrice intende trasmettere. Molte delle pagine del manuale sono dedicate alla pratica e propongono diversi esercizi per stimolare la fantasia ed esercitare la scrittura.

 

DA NOTARE

Il Manuale del Giovane Scrittore creativo fa passare il concetto che scrivere sia tutt’altro che il frutto di un’ispirazione momentanea, quanto piuttosto un’attività supportata da regole e norme precise. Ma i destinatari sono i bambini e quindi i contenuti da soli non bastano per far breccia su di un pubblico così esigente. Il modo di porli fa la differenza. Chi ha voglia e attitudine per parlare ai bambini e ai ragazzi può trarre ispirazione dal testo della Pitzorno per vedere come tradurre i concetti che ha da dire nella maniera più efficace possibile. I bambini si stancano con più facilità e sono meno disposti degli adulti a concedere chances a libri poco coinvolgenti. Quando si decide di parlare loro di argomenti importanti come le tecniche della scrittura bisogna evitare i toni didascalici e cattedratici e far leva piuttosto su curiosità e fantasia. I manuali per loro natura sono divisi per punti e tendono ad essere schematici, la Pitzorno, invece, pur procedendo per argomenti, crea un personaggio che accompagni il giovane lettore in questo itinerario e si avvale di un linguaggio fresco improntato al divertimento e di immagini che stuzzichino l’interesse. Il risultato è un libro che i più giovani sfogliano con piacere e che i più grandi apprezzano per originalità.

Ancora una considerazione sullo stile: già leggendo l’incipit del testo si potrà notare come l’autrice ricorra con tranquillità all’uso dei punti esclamativi, delle domande retoriche, dei vezzeggiativi. Sono strumenti espressivi sconsigliati nella prosa “adulta”, ma che invece si rivelano adattissimi (come i superlativi assoluti) in quella per bambini.

 

INCIPIT

Caro diario,

ieri su una bancarella di libri usati ne ho trovato uno che mi ha fatto fare salti di gioia. Si intitola Manuale del Giovane Scrittore Creativo. Proprio quello che mi ci voleva per esercitarmi.

C’è però una cosa che mi dà fastidio. Tutte le illustrazioni si riferiscono a un cagnolino, mi sembra un piccolo bracco, e a certi suoi amici dalla testa grossa e dagli strani nomi americani. Cosa c’entrano con me e con le storie che voglio scrivere? Mica voglio un cane per maestro, io! Così poi l’Arpia mi direbbe che scrivo come un cane.

Ho trovato! Sostituirò tutte le illustrazioni. Ci incollerò sopra le più belle foto mie, dei miei parenti e delle mie amiche e chiederò a Rosalba di farmi qualche disegno. Così il manuale diventerà proprio mio, strettamente personale.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Walf Hall di Hilary Mantel

Walf Hall di Hilary Mantel

Un romanzo storico filtrato dall’ingegno multiforme di un protagonista machiavellico: ecco come in questo primo di tre volumi, Hilary Mantel riesce a ridare respiro alla travagliata storia della dinastia Tudor e alle scosse che attraversano la società inglese del XVI...

Cosmetica del nemico

Cosmetica del nemico

Quante volte ci siamo trovati in una sala d’attesa? In quei momenti inganniamo il tempo magari guardando il telefono, leggendo una rivista o ancora dialogando con chi attende insieme a noi. Che sia una conversazione entusiasmante o meno, voluta o no, con una persona o...

Preghiera del mare

Preghiera del mare

Preghiera del Mare di Khaled Hosseini, come in un grande affresco, tra immagini e versi evocativi, racconta il contrasto tra un mondo lontano fatto di pace, colori caldi e suoni gioiosi, affetti importanti e la realtà presente dominata dai toni cupi delle bombe, che...

Génie la matta

Génie la matta

Ci sono libri e personaggi che ci restano addosso per giorni, anche una volta riposti sullo scaffale. Ci lavorano dentro, sbucano tra le pagine dei nuovi romanzi che leggiamo e ci sembra che lasciarli andare sarebbe far loro un torto. Génie la matta è uno di questi...

Fiore di roccia

Fiore di roccia

“Non è vero che le donne non sono mai scese in battaglia. Semplicemente, l’uomo le ha dimenticate”. Così pensa Agata Primus: protagonista del romanzo di Ilaria Tuti. E ha ragione. Nel corso della Prima guerra mondiale, sul fronte della Carnia, il contributo delle...

Carmilla

Carmilla

Quando si riesce a creare, da subito, una suspense che suscita nel lettore l’aspettativa di qualcosa di misterioso e terribile, rimandando il racconto dell’evento attraverso l’uso sapiente del ritmo narrativo, abbiamo tra le mani un capolavoro della lettura gotica...

Cronorifugio

Cronorifugio

Immaginate di entrare in una stanza e trovarvi catapultati in un altro periodo. Quale vorreste ritrovare? Gli anni ‘70, ‘80? Non è una domanda semplice a cui rispondere. L’istinto, forse, porterebbe ognuno a voler rivivere una particolare fase della propria vita ma il...

Il quinto giorno

Il quinto giorno

I libri che sanno creare suspense sono capaci di coinvolgere a tal punto da farci perdere la cognizione del tempo.Riuscire a raccontare la tensione non è facile, soprattutto perché bisogna essere bravi a mantenerla nel corso della narrazione. Frank Schätzing ci riesce...

Hunger Games

Hunger Games

L’espressione Young Adult, spesso abbreviata YA, sta ad indicare quei libri che vengono scritti espressamente per gli adolescenti, vale a dire per i giovani fra i 12 e i 18 anni. Hunger Games di Suzanne Collins, primo titolo di una trilogia, è uno YA distopico fra i...

Io, robot

Io, robot

Le raccolte di racconti impegnano sia l’autore sia il lettore. Il primo deve saper padroneggiare la tecnica dell’essenzialità senza sacrificare la componente emozionale di cui le buone narrazioni non possono essere prive, il secondo è chiamato a entrare e uscire da...

Americanah

Americanah

Tra i tanti pregi che hanno i libri c’è anche quello di aiutarci a capire prospettive che non ci appartengono e realtà che ci sono estranee. Attraverso il processo di immedesimazione con i personaggi, di cui ci appassioniamo, entriamo davvero nei loro panni e...

RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy

Share This