Seleziona una pagina

Paola Gaiani

Lettura, scrittura e creatività sono le tre anime della mia passione che ho avuto la fortuna e il privilegio di tradurre in attività.
Ho conseguito la maturità al Liceo Classico Carlo Alberto di Novara e la laurea in lettere moderne all’Università degli Studi di Milano, ho lavorato per alcuni anni come redattrice  all’Istituto geografico De Agostini di Novara prima di dedicarmi completamente alla scrittura, in particolare per l’infanzia e i ragazzi.

Con La Memoria del mondo libreria editrice ho pubblicato quattro racconti per bambini della serie Fiume Azzurro, protagonista TiJones la formica della Valle del Ticino e con Edizioni Astragalo tre racconti per l’infanzia, collana Scrivere con il cuore (“Due per te: Un amico inaspettato”, “Talpa Giuditta presenta: Trattamento cretinetti per zittire i bulletti” e “Se ti scappa falla, la risata”).

Dal 2006 porto in scuole, biblioteche, rassegne e festival dell’editoria i miei laboratori di lettura, musica e animazione.

In questi ultimi anni ho ripensato l’attività di lettura animata dando vita a laboratori sensoriali che ho proposto ad alcuni centri per ragazzi disabili.

Nel frattempo ho continuato a scrivere, formarmi e a misurarmi con generi narrativi diversi, rivolti anche ad un pubblico adulto.

Con il racconto Il tempo dell’orologiaio mi sono classificata terza, nel 2014, al Premio internazionale letterario e artistico “Nat Scammacca” di Erice, mentre il racconto Àcronos ed Expèrion è stato selezionato nel Concorso letterario Racconti dal Piemonte e pubblicato nel 2015 nell’omonima antologia.

Dedicarmi alla scrittura soddisfa il bisogno di comunicare il mio vissuto attraverso l’affascinante strumento della parola. Sono convinta che esista la Bellezza “ineffabile”, che cioè non si può dire, ma sforzarmi di trovare il sistema per tradurla prima in pensiero e poi in frase credo sia la più favolosa delle sfide.

facebook:

Articoli dell’autrice

Quando mancano le parole

Scrivere significa arrovellarsi ogni giorno per trovare il costrutto e i vocaboli adatti a rendere quello che si prova e si vuole dire.Chi scrive ha scelto le parole come strumento privilegiato allo scopo, il che fa capire perché per uno scrittore una parola non può...

I libri parlano, sappiamo ascoltare?

Quante e quali chances siamo disposti a concedere ai libri che non ci avvincono subito?Li abbandoniamo all'istante se l’incipit ci sembra debole? Concediamo loro qualche pagina per riscattarsi? Li portiamo avanti a fatica, ma poi cediamo e li chiudiamo a metà se...

Da dove vengono le parole della scrittura?

Arriva un momento, in chi pratica la scrittura con assiduità, in cui si ha la sensazione di aver oltrepassato il confine della semplice passione e di essere entrati nel mondo di chi se ne occupa sul serio, a tutti gli effetti.A volte questo sentore coincide con la...

E poi ti capita quel libro che…

Sul mio pc ho salvato due documenti: uno è l’elenco dei libri letti, l’altro quello dei libri da leggere. L’elenco dei libri da leggere si allunga con una velocità tre volte superiore a quello dei libri letti, il che mi esalta e mi deprime allo stesso tempo. Qualche...

Scrivere la fede

Scrivere la fede di Paola Gaiani Amo le parole, soprattutto quelle scritte. Mi piace scoprirne di nuove, conoscere la loro etimologia, mi emoziono quando leggo periodi costruiti così bene da farmi sentire tutta la tensione e le aspettative dell’autore che...