Requiem

Il significato di ciò che si scrive passa anche attraverso il linguaggio che si sceglie di usare per esprimerlo e a volte forma e contenuto sono così connessi fra loro da presupporsi a vicenda. Il libro che ti presento oggi ne è un esempio. Si intitola Requiem e l’autore è l’italianissimo Antonio Tabucchi che però l’ha scritto in portoghese, perché, come spiega lui stesso nella Nota introduttiva al testo, questa storia avrebbe potuto essere scritta solo in portoghese.

Una curiosità: anche per la sua versione italiana Tabucchi ha scelto di farsi tradurre da un’altra persona, Sergio Vecchio per la precisione, che nel chiudere il romanzo con una propria nota personale si pone la domanda che è anche del lettore: come mai l’autore non ha tradotto se stesso? Conoscendolo bene Sergio Vecchio intuisce quale possa essere la risposta: in quanto, dice, se lo avesse fatto, questa storia sarebbe diventata un’altra storia, perché uno scrittore è anche e soprattutto la sua lingua.

L’AUTORE

Antonio Tabucchi è nato a Pisa nel 1943 ed è morto a Lisbona nel 2012. È considerato uno dei più grandi scrittori del Novecento europeo. Autore di romanzi, racconti e testi teatrali tradotti in tutto il mondo, ha vinto prestigiosi premi letterari. Ha svolto anche l’attività di saggista e traduttore e ha insegnato Lingua e letteratura portoghese all’università di Genova e Siena. Ha amato profondamente il Portogallo e la poesia di Fernando Pessoa, tanto da esserne considerato, a oggi, il maggiore conoscitore, critico e traduttore.

LA TRAMA

In una torrida domenica di luglio un uomo, di cui non viene rivelato il nome ma che incarna l’autore del romanzo, si ritrova, senza sapere come né perché, su un molo di Lisbona con la consapevolezza di dover vedere alcune persone, vivere una serie di esperienze e alla fine incontrare il Convitato, colui che lo ha convocato all’appuntamento. Nell’arco di dodici ore – tale è la durata temporale in cui si svolge il romanzo – il protagonista compirà un percorso tra sogno e realtà, in cui rivivrà alcune tappe fondamentali della propria esistenza, attraverso il ricordo di ambienti e persone. Dialogando con il proprio passato Tabucchi trova così il modo di spiegarlo a se stesso e di dare vita ad un libro che del romanzo ha solo l’impianto, ma che in realtà è un memoriale.

 

 

DA NOTARE

Requiem è un romanzo breve costituito da un susseguirsi di scene giustapposte: difficile dire se esista una vera sequenza, una trama nel senso letterale del termine. Passano tra le pagine gli incontri e i dialoghi del protagonista/autore con i suoi personaggi, quasi tutti senza nome, ma identificati nella “funzione” che svolgono (il Tassista, il Controllore del treno, il Copista, il Venditore di storie, il Barman del Museo di Arte Antica, per fare qualche esempio).

I Dialoghi sono vividi, ritmati e autentici, seppure costruiti in modo anticonvenzionale: nessun segno d’interpunzione, nessun a capo che scandisca le battute. È sorprendente constatare come il verbo “disse/dissi” sia ripetuto in continuazione senza però costituire un disturbo. Chi legge è così coinvolto dall’incedere dei discorsi dall’avere la sensazione di partecipare alla conversazione in qualità di testimone diretto.

Un’attenzione speciale merita l’incipit del romanzo: in poche righe l’autore trova il sistema di rivelarci una serie di dettagli fondamentali per inquadrare ambiente e situazione della storia, ma nello stesso tempo solletica la nostra curiosità con particolari capaci di generare aspettativa e sorpresa. Deve arrivare qualcuno (Pensai: quel tizio non arriva più), ma subito si precisa che il “tizio” in realtà è il più grande poeta del ventesimo secolo – Pessoa, nell’idea dell’autore, anche se non sarà mai nominato in maniera esplicita nel romanzo – e che è morto ormai da tanti anni. Il protagonista è su di un molo ed è mezzogiorno e mentre si scioglie sotto il sole di fine luglio (connotazione temporale) gli sorge il dubbio di aver equivocato l’orario dell’appuntamento: forse le dodici, ora in cui lui aveva deciso di incontrarlo, erano da intendersi come le dodici di notte, perché i fantasmi appaiono a mezzanotte.

Con un esordio del genere, a pagina 1 Tabucchi ci tiene già in pugno.

 

 

INCIPIT

Pensai: quel tizio non arriva più. E poi pensai: mica posso chiamarlo “tizio”, è un grande poeta, forse il più grande poeta del ventesimo secolo, è morto ormai da tanti anni, devo trattarlo con rispetto, meglio, con tutto il rispetto. Ma intanto cominciavo a sentire fastidio, il sole dardeggiava, il sole di fine luglio, e pensai ancora: sono in ferie, stavo tanto bene là ad Azeitão, nella casa di campagna dei miei amici, chi me l’ha fatto fare di accettare questo incontro qui sul molo? E adocchiai ai miei piedi la mia ombra, e anche lei mi parve assurda e incongrua, non aveva senso, era un’ombra corta, appiattita dal sole di mezzogiorno, e fu allora che ricordai: lui aveva fissato per le dodici, ma forse aveva voluto dire le dodici di notte, visto che i fantasmi appaiono a mezzanotte. Mi alzai e percorsi il molo.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Cosmetica del nemico

Cosmetica del nemico

Quante volte ci siamo trovati in una sala d’attesa? In quei momenti inganniamo il tempo magari guardando il telefono, leggendo una rivista o ancora dialogando con chi attende insieme a noi. Che sia una conversazione entusiasmante o meno, voluta o no, con una persona o...

leggi tutto
Preghiera del mare

Preghiera del mare

Preghiera del Mare di Khaled Hosseini, come in un grande affresco, tra immagini e versi evocativi, racconta il contrasto tra un mondo lontano fatto di pace, colori caldi e suoni gioiosi, affetti importanti e la realtà presente dominata dai toni cupi delle bombe, che...

leggi tutto
Génie la matta

Génie la matta

Ci sono libri e personaggi che ci restano addosso per giorni, anche una volta riposti sullo scaffale. Ci lavorano dentro, sbucano tra le pagine dei nuovi romanzi che leggiamo e ci sembra che lasciarli andare sarebbe far loro un torto. Génie la matta è uno di questi...

leggi tutto
Fiore di roccia

Fiore di roccia

“Non è vero che le donne non sono mai scese in battaglia. Semplicemente, l’uomo le ha dimenticate”. Così pensa Agata Primus: protagonista del romanzo di Ilaria Tuti. E ha ragione. Nel corso della Prima guerra mondiale, sul fronte della Carnia, il contributo delle...

leggi tutto
Carmilla

Carmilla

Quando si riesce a creare, da subito, una suspense che suscita nel lettore l’aspettativa di qualcosa di misterioso e terribile, rimandando il racconto dell’evento attraverso l’uso sapiente del ritmo narrativo, abbiamo tra le mani un capolavoro della lettura gotica...

leggi tutto
Cronorifugio

Cronorifugio

Immaginate di entrare in una stanza e trovarvi catapultati in un altro periodo. Quale vorreste ritrovare? Gli anni ‘70, ‘80? Non è una domanda semplice a cui rispondere. L’istinto, forse, porterebbe ognuno a voler rivivere una particolare fase della propria vita ma il...

leggi tutto
Una cosa divertente che non farò mai più

Una cosa divertente che non farò mai più

Cosa succede quando un talentoso David Foster Wallace si imbarca su una nave da crociera e scrive un articolo per la rivista Harper’s? Semplice, il testo si trasforma in un reportage travolgente, ironico e appassionato. La narrazione, attraverso le mani dell’autore,...

leggi tutto
La simmetria dei desideri

La simmetria dei desideri

Ci sono storie che rappresentano la vita con tale naturalezza che nel leggerne il racconto ti sembra di vederla scorrere proprio in quel momento davanti agli occhi. Riconosci i tratti della quotidianità, di sentimenti universali, di un’umanità calata in quelli che più...

leggi tutto
Il quinto giorno

Il quinto giorno

I libri che sanno creare suspense sono capaci di coinvolgere a tal punto da farci perdere la cognizione del tempo.Riuscire a raccontare la tensione non è facile, soprattutto perché bisogna essere bravi a mantenerla nel corso della narrazione. Frank Schätzing ci riesce...

leggi tutto
Apologo del giudice bandito

Apologo del giudice bandito

Leggere è un piacere e il tempo che dedichiamo ai libri un regalo che facciamo a noi stessi. Ma è anche un’azione che richiede volontà e concentrazione, perché se ci distraiamo o siamo stanchi rischiamo di non capire o di dimenticare presto quello che troviamo...

leggi tutto
Il sentiero dei profumi

Il sentiero dei profumi

Le letture di evasione hanno la capacità di portarci altrove e di farci scoprire regioni che non abbiamo mia conosciuto. Il sentiero dei profumi di Cristina Caboni ci accompagna nel mondo delle essenze e riesce in più di un’occasione a farci immaginare addirittura i...

leggi tutto
Hunger Games

Hunger Games

L’espressione Young Adult, spesso abbreviata YA, sta ad indicare quei libri che vengono scritti espressamente per gli adolescenti, vale a dire per i giovani fra i 12 e i 18 anni. Hunger Games di Suzanne Collins, primo titolo di una trilogia, è uno YA distopico fra i...

leggi tutto
Destinazione immaginario

Destinazione immaginario

Che tipo di lettore/lettrice sei? Affezionato/a ad un unico genere letterario o capace di spaziare dal romanzo al saggio, dalla prosa alla poesia? A me piace alternare i tipi di letture, confrontarmi con forme di linguaggio differenti e con modi diversi d’interpretare...

leggi tutto
Io, robot

Io, robot

Le raccolte di racconti impegnano sia l’autore sia il lettore. Il primo deve saper padroneggiare la tecnica dell’essenzialità senza sacrificare la componente emozionale di cui le buone narrazioni non possono essere prive, il secondo è chiamato a entrare e uscire da...

leggi tutto
Il mulino dei dodici corvi

Il mulino dei dodici corvi

I romanzi di formazione, per loro natura, nascono per rivolgersi ai ragazzi, ovvero a personalità ancora in costruzione, ma se giocati su livelli narrativi diversi, possono offrire chiavi interpretative ulteriori e adatte anche per un pubblico maturo. È il caso de Il...

leggi tutto
Prima persona singolare

Prima persona singolare

Se sei tra quelli che nella lettura, compresa quella di racconti e romanzi, cerca risposte chiare e dati oggettivi, il libro che ti propongo oggi potrebbe spiazzarti, perché il suo autore è il mago dell’incerto, giocoliere dell’inverosimile. Sto parlando di Murakami...

leggi tutto
Americanah

Americanah

Tra i tanti pregi che hanno i libri c’è anche quello di aiutarci a capire prospettive che non ci appartengono e realtà che ci sono estranee. Attraverso il processo di immedesimazione con i personaggi, di cui ci appassioniamo, entriamo davvero nei loro panni e...

leggi tutto
La lunga strada della vendetta

La lunga strada della vendetta

Ci sono libri difficili da catalogare perché nascono proprio dall’intenzione dei loro autori di mescolare generi diversi, operazione tanto affascinante quanto delicata. Il rischio di creare un ibrido poco coerente infatti è molto elevato. Joe R. Lansdale invece ce ne...

leggi tutto
Il sentiero

Il sentiero

Vi è capitato di cominciare a leggere un libro e di far fatica a fermarti? A me spesso e di solito questo accade perché la trama è avvincente, ma soprattutto perché è ben costruita. È l’arte dell’autore di saper narrare che fa la differenza. Perché quando leggiamo non...

leggi tutto
RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy

Share This