Requiem

Il significato di ciò che si scrive passa anche attraverso il linguaggio che si sceglie di usare per esprimerlo e a volte forma e contenuto sono così connessi fra loro da presupporsi a vicenda. Il libro che ti presento oggi ne è un esempio. Si intitola Requiem e l’autore è l’italianissimo Antonio Tabucchi che però l’ha scritto in portoghese, perché, come spiega lui stesso nella Nota introduttiva al testo, questa storia avrebbe potuto essere scritta solo in portoghese.

Una curiosità: anche per la sua versione italiana Tabucchi ha scelto di farsi tradurre da un’altra persona, Sergio Vecchio per la precisione, che nel chiudere il romanzo con una propria nota personale si pone la domanda che è anche del lettore: come mai l’autore non ha tradotto se stesso? Conoscendolo bene Sergio Vecchio intuisce quale possa essere la risposta: in quanto, dice, se lo avesse fatto, questa storia sarebbe diventata un’altra storia, perché uno scrittore è anche e soprattutto la sua lingua.

L’AUTORE

Antonio Tabucchi è nato a Pisa nel 1943 ed è morto a Lisbona nel 2012. È considerato uno dei più grandi scrittori del Novecento europeo. Autore di romanzi, racconti e testi teatrali tradotti in tutto il mondo, ha vinto prestigiosi premi letterari. Ha svolto anche l’attività di saggista e traduttore e ha insegnato Lingua e letteratura portoghese all’università di Genova e Siena. Ha amato profondamente il Portogallo e la poesia di Fernando Pessoa, tanto da esserne considerato, a oggi, il maggiore conoscitore, critico e traduttore.

LA TRAMA

In una torrida domenica di luglio un uomo, di cui non viene rivelato il nome ma che incarna l’autore del romanzo, si ritrova, senza sapere come né perché, su un molo di Lisbona con la consapevolezza di dover vedere alcune persone, vivere una serie di esperienze e alla fine incontrare il Convitato, colui che lo ha convocato all’appuntamento. Nell’arco di dodici ore – tale è la durata temporale in cui si svolge il romanzo – il protagonista compirà un percorso tra sogno e realtà, in cui rivivrà alcune tappe fondamentali della propria esistenza, attraverso il ricordo di ambienti e persone. Dialogando con il proprio passato Tabucchi trova così il modo di spiegarlo a se stesso e di dare vita ad un libro che del romanzo ha solo l’impianto, ma che in realtà è un memoriale.

 

 

DA NOTARE

Requiem è un romanzo breve costituito da un susseguirsi di scene giustapposte: difficile dire se esista una vera sequenza, una trama nel senso letterale del termine. Passano tra le pagine gli incontri e i dialoghi del protagonista/autore con i suoi personaggi, quasi tutti senza nome, ma identificati nella “funzione” che svolgono (il Tassista, il Controllore del treno, il Copista, il Venditore di storie, il Barman del Museo di Arte Antica, per fare qualche esempio).

I Dialoghi sono vividi, ritmati e autentici, seppure costruiti in modo anticonvenzionale: nessun segno d’interpunzione, nessun a capo che scandisca le battute. È sorprendente constatare come il verbo “disse/dissi” sia ripetuto in continuazione senza però costituire un disturbo. Chi legge è così coinvolto dall’incedere dei discorsi dall’avere la sensazione di partecipare alla conversazione in qualità di testimone diretto.

Un’attenzione speciale merita l’incipit del romanzo: in poche righe l’autore trova il sistema di rivelarci una serie di dettagli fondamentali per inquadrare ambiente e situazione della storia, ma nello stesso tempo solletica la nostra curiosità con particolari capaci di generare aspettativa e sorpresa. Deve arrivare qualcuno (Pensai: quel tizio non arriva più), ma subito si precisa che il “tizio” in realtà è il più grande poeta del ventesimo secolo – Pessoa, nell’idea dell’autore, anche se non sarà mai nominato in maniera esplicita nel romanzo – e che è morto ormai da tanti anni. Il protagonista è su di un molo ed è mezzogiorno e mentre si scioglie sotto il sole di fine luglio (connotazione temporale) gli sorge il dubbio di aver equivocato l’orario dell’appuntamento: forse le dodici, ora in cui lui aveva deciso di incontrarlo, erano da intendersi come le dodici di notte, perché i fantasmi appaiono a mezzanotte.

Con un esordio del genere, a pagina 1 Tabucchi ci tiene già in pugno.

 

 

INCIPIT

Pensai: quel tizio non arriva più. E poi pensai: mica posso chiamarlo “tizio”, è un grande poeta, forse il più grande poeta del ventesimo secolo, è morto ormai da tanti anni, devo trattarlo con rispetto, meglio, con tutto il rispetto. Ma intanto cominciavo a sentire fastidio, il sole dardeggiava, il sole di fine luglio, e pensai ancora: sono in ferie, stavo tanto bene là ad Azeitão, nella casa di campagna dei miei amici, chi me l’ha fatto fare di accettare questo incontro qui sul molo? E adocchiai ai miei piedi la mia ombra, e anche lei mi parve assurda e incongrua, non aveva senso, era un’ombra corta, appiattita dal sole di mezzogiorno, e fu allora che ricordai: lui aveva fissato per le dodici, ma forse aveva voluto dire le dodici di notte, visto che i fantasmi appaiono a mezzanotte. Mi alzai e percorsi il molo.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Benito Cereno

Benito Cereno

Fra le molteplici letture che affronto, per piacere o per lavoro, cerco di prevedere sempre anche qualche classico della letteratura, quelli di cui Italo Calvino un giorno, interrogato su quale potesse essere la definizione adatta a descriverli, disse: Un classico è...

leggi tutto
Women in the metaverse

Women in the metaverse

Che cosa evoca in chi la sente la parola Metaverso? Che cos'è davvero questa dimensione a cui possiamo accedere dotandosi di un avatar? In particolare ci si potrebbe domandare che utilità parlare di Metaverso al di fuori del gaming, del gioco. In realtà, si può...

leggi tutto
Nella stanza di Emily

Nella stanza di Emily

Quando si ama un autore si vorrebbe conoscere tutto di lui: i testi, la vita, il pensiero, ma anche i luoghi in cui ha vissuto, la stanza dove ha lavorato, il panorama che da quella stanza lo ha ispirato. È da questa esigenza che è nato Nella stanza di Emily, il libro...

leggi tutto
L’altra verità. Diario di una diversa

L’altra verità. Diario di una diversa

Ci sono scritture potenti che non hanno bisogno di essere costruite e vanno maneggiate con cura per arrivare con tutto il carico delle emozioni di cui sono intrise. Sono le scritture di pancia, che lasciano il posto all’urlo che le produce, perché è quello che deve...

leggi tutto
Divergent

Divergent

Leggo per tante ragioni: lavoro, piacere, bisogno di informarmi, voglia di imparare. A seconda dei motivi, il mio approccio ai libri cambia e con lui le aspettative. Ma se sto leggendo per svago, allora quello che cerco è una storia. Una buona storia in cui perdermi....

leggi tutto
Triste, solitario y final

Triste, solitario y final

A volte siamo portati a pensare che i libri ormai abbiano già parlato di tutto, non ci sia più argomento inesplorato, dinamica che non sia stata sondata, struttura che non sia stata sperimentata. Poi capita di leggere romanzi come Triste, solitario y final di Osvaldo...

leggi tutto
Fahrenheit 451

Fahrenheit 451

Amo gli autori che sperimentano, innovano e cercano soluzioni narrative inconsuete per rendere in maniera originale la storia che intendono raccontare. Ho trovato tutto questo nello stile di Ray Bradbury e nel suo celeberrimo Farhenheit 451. L'AUTORE Ray Douglas...

leggi tutto
Il caso Malaussène. Mi hanno mentito

Il caso Malaussène. Mi hanno mentito

Capita a volte di leggere libri costruiti con una precisione e un equilibrio tali da far sembrare facile l’impresa di scrivere. Sono questi i romanzi dei grandi narratori, quelli che conoscono talmente bene la tecnica da saperla usare senza farsene accorgere. Un...

leggi tutto
Spizzichi e bocconi

Spizzichi e bocconi

Cibo e letteratura, sapori e ricordi. Sono binomi che fanno breccia volentieri nella sensibilità dei lettori, che cercano nelle pagine dei libri non solo racconti, ma anche riscontri. Spizzichi e bocconi di Erri De Luca fornisce gli uni e gli altri, con lo stile...

leggi tutto
Mai sentita così bene

Mai sentita così bene

Rendere in un romanzo la naturalezza, le sgrammaticature, le costruzioni tipiche del linguaggio parlato non è operazione facile. Sembrerebbe che non ci sia altro lavoro da svolgere che registrare e riportare su carta le voci che si sentono in giro tutti i giorni, ma...

leggi tutto
Il morso della vipera

Il morso della vipera

L’ambientazione e il clima di un libro sono ingredienti che possono far decollare o affossare una storia: vanno studiati e preparati con cura. Nel romanzo Il morso della vipera l’autrice, Alice Basso, lo ha fatto, regalandoci un romanzo storicamente credibile e...

leggi tutto
Tre atti e due tempi

Tre atti e due tempi

Non è necessario che una storia sia intrisa di sangue per generare suspense e avvincere il lettore; quella sensazione di ansiosa apprensione che certi libri sanno evocare si può ottenere anche quando il racconto non prevede omicidi o aggressioni, ma è costruito con...

leggi tutto
Uno scià alla corte d’Europa

Uno scià alla corte d’Europa

Ci sono vari modi per “leggere” la contemporaneità e cercare di capire quello che ci succede intorno, uno è quello di contestualizzarla, interpretandola alla luce della storia, domandandosi da dove derivi e perché si sia evoluta in un determinato modo piuttosto che in...

leggi tutto
I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

I mondi che non ci appartengono diventano un po’ più nostri se a presentarceli sono le storie di personaggi che in quei luoghi vivono, muoiono, si raccontano. Il libro di oggi ci porta tra le vie di Istanbul, piene di odori, colori e persone. L’ha scritto Elif Shafak...

leggi tutto
Il bar sotto il mare

Il bar sotto il mare

A volte l’abilità di uno scrittore sta nel modo in cui decide di strutturare la storia, nel sistema con cui sceglie di organizzare il materiale narrativo che ha a disposizione. E così una miscellanea di racconti diversi può diventare libro se l’autore trova l’idea per...

leggi tutto
Io sono Dot

Io sono Dot

Nei romanzi la storia funziona quando i personaggi sono stati costruiti bene, dialogano e agiscono in modo credibile, rendendo originale quello che succede, anche quando è uno spaccato della quotidianità. Il libro che prendo in esame oggi ne è un esempio: sto parlando...

leggi tutto
Il treno dei bambini

Il treno dei bambini

La narrativa spesso colma le lacune della Storia, che presa a raccontare gli eventi di ampio respiro e di portata nazionale, tralascia a volte di ricordare la vita delle persone, i loro drammi, la loro solidarietà, su cui invece tutti i Paesi fanno affidamento per...

leggi tutto
La misura del tempo

La misura del tempo

Il libro che analizziamo oggi è proprio uno dei sei finalisti del Premio Strega 2020. L’autore è Gianrico Carofiglio e il titolo La misura del tempo.L'AUTORE Gianrico Carofiglio, nato a Bari nel 1961, è figlio d’arte: sua madre è stata la scrittrice Enza Buono....

leggi tutto
Sotto un cielo sempre azzurro

Sotto un cielo sempre azzurro

Le storie cambiano a seconda di chi le racconta e non soltanto perché ognuno ha un proprio modo di ricostruire gli eventi e di dare risalto a particolari diversi, ma anche in virtù della voce che le narra. Quella contenuta nel libro che ti propongo oggi aveva bisogno...

leggi tutto
Il mio nome è rosso

Il mio nome è rosso

Potrei fare un lungo elenco delle ragioni per cui mi piace leggere: perché imparo, mi diverto, mi emoziono, mi perdo e mi ritrovo. Ogni libro, purché sia buono, regala prospettive diverse, motivazioni nuove. Il romanzo che analizzo oggi ha la capacità di portarmi in...

leggi tutto
RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy

Share This