Scrivere dritto

Sarà per via della mia formazione giuridica, sarà per l’arguzia del titolo che trovo azzeccatissimo, ma il libro che ti propongo oggi mi ha proprio conquistato. S’intitola Scrivere diritto ed è un manuale di scrittura rivolto per lo più a coloro che, in ambito giuridico, redigono testi di legge e di sentenze, ma ottimo vademecum anche per tutti coloro che hanno a che fare con la scrittura in generale, da chi deve redigere il proprio curriculum vitae fino a chi desidera comporre un romanzo.

 

L’AUTORE

Il testo, pubblicato nel 2018, è nato in seno alla milanese Palestra di scrittura, laboratorio di ricerca sul linguaggio, dalla penna di Chiara Lucchini e Alessandro Lucchini.

LA TRAMA

Come già si legge in copertina il libro si propone di analizzare le “7 S per testi efficaci: Semplicità, Sintesi, Struttura, Se-duzione, Sim-patia, Stra-vaganza e Stile”. Gli autori partono dal presupposto che i testi giuridici, ma anche tutti gli altri, dovrebbero porsi come obiettivo quello di essere chiari e comprensibili a tutti, perché riguardano la vita di tutti.

Se però si prendono in esame alcuni testi giuridici si noterà che molti sono redatti con un linguaggio farraginoso, complicato e incomprensibile ai non addetti ai lavori. L’unica luminosa eccezione, alla quale gli autori consigliano di ispirarsi, è data dalla Costituzione italiana, che invece si distingue per semplicità di esposizione e limpidezza di pensiero.

 

DA NOTARE

Di “Scrivere diritto” condivido contenuti e principi ispiratori: la scrittura è uno strumento nato per unire quelli che la praticano con coloro che ne fruiscono. Chi se ne serve per tenere lontano qualcuno ne fa un uso improprio e avvilente.

Tutte e sette le “S” analizzate dal manuale rappresentano allora ottimi consigli per centrare l’obiettivo, ma in particolare quello che voglio sottolineare in questa sede è la Stravaganza, intesa nel suo significato etimologico di vagare-extra, ovvero di muoversi al di fuori dei territori consueti, a noi più noti e comodi.

Osare un approccio linguistico diverso, contaminando i generi e i toni narrativi, attingendo, se del caso, al bacino dell’umorismo e dell’ironia, per dare vita a nuove modalità espressive e prospettive: ecco un buon modo per andare incontro al lettore e farselo amico.

TRATTO DAL LIBRO

[…] Ci sembra appropriato accostare direttamente le due parole, scrivere + diritto, affidando alla seconda più di un significato. È complemento oggetto, o complemento di argomento, perché è scrivere di contenuti giuridici. È complemento di modo, “scrivere in modo diritto”, chiaro, ininterrotto lungo una determinata direzione (directum, participio passato di dirigere): il contrario di contorto, arzigogolato. Ed è “scrivere giusto”, nel senso di onesto, leale, pulito.

LEGGI ALTRE RECENSIONI

Mio fratello

Mio fratello

I ricordi, di cui tutti siamo ricchi, sono da sempre fonte di ispirazione e materiale prezioso per scrittori e artisti. Filtrati dalla sensibilità di chi li maneggia possono smarcarsi dalla dimensione personale e diventare un magnifico patrimonio di tutti, come nel...

leggi tutto
Manuale del giovane scrittore creativo

Manuale del giovane scrittore creativo

Se c’è una cosa che ho imparato dalla scrittura e dalle mie esperienze che con essa hanno avuto a che fare, come ad esempio la direzione per dieci anni della casa editrice Astragalo, è che quando gli autori lavorano bene, i libri che producono travalicano il genere...

leggi tutto
Cecità

Cecità

Alcuni libri hanno il potere, una volta letti, di ritornare alla memoria specie quando si vivono situazioni personali o collettive che ce li richiamano per associazione. In questi giorni di allarme globale il libro che mi torna in mente con insistenza è Cecità di José...

leggi tutto
La donna che scriveva racconti

La donna che scriveva racconti

Leggo per lavoro, tanto, sempre. Quando posso scegliere però, faccio in modo di inserire tra le mie letture qualche raccolta di racconti, storie brevi, concise. Si può imparare molto dai racconti, soprattutto se ben scritti e quelli di Lucia Berlin rientrano fra...

leggi tutto
La camera azzurra

La camera azzurra

Ho un debole per i libri che non si limitano a raccontare una storia, ma mi chiamano in causa come lettrice rendendomi complice dell’autore. Sono i libri che lasciano intravedere invece di descrivere, suggeriscono invece di dire. La camera azzurra di Georges Simenon è...

leggi tutto
Il testimone auricolare

Il testimone auricolare

Oggi desidero portare alla tua attenzione un libretto che ritengo un gioiellino per la capacità che ha mostrato l’autore di caratterizzare alcune tipologie umane, cinquanta per la precisione. S’intitola Il Testimone auricolare e l’ha scritto Elias Canetti. L' AUTORE...

leggi tutto
Follia

Follia

Il libro di oggi è un romanzo psicologico che ci catapulta senza rete nell’inestricabile groviglio delle passioni umane. S’intitola Follia e il suo autore è Patrick McGrath.   L'AUTORE Patrick McGrath è uno scrittore inglese nato a Londra nel 1950. Suo padre,...

leggi tutto
L’orto di un perdigiorno

L’orto di un perdigiorno

Ci sono libri che più che raccontare trame creano atmosfere e riescono a renderle così vivide e tangibili, da coinvolgere il lettore trasportandolo altrove. L’orto di un perdigiorno di Pia Pera, che ti suggerisco oggi, ci accompagna con dolcezza nella campagna toscana...

leggi tutto

RICHIEDI INFORMAZIONI

Privacy Policy